fbpx

La formazione rossonera si prepara al debutto casalingo contro il Francavilla. Ancora indisponibili l’infortunato Giacomarro e lo squalificato Garofalo

giancarlo nataleCresce l’attesa in casa Nocerina per il debutto casalingo di domani pomeriggio contro il Francavilla, lo stesso avversario che nella passata stagione eliminò la squadra allora allenata da Spica dai play off.

Mister Sannino, a caccia della prima vittoria in campionato, dovrà rinunciare ancora allo squalificato Garofalo e all’infortunato Giacomarro, ma potrà contare sull’apporto di Khaleel, che ha risolto i suoi problemi burocratici ed è pronto a offrire il suo contributo, magari rimpiazzando Magri ancora non al top dal punto di vista fisico. Difficile ipotizzare rivoluzioni a centrocampo, dove Ambro, Mancino e Basanini sembrano essere i calciatori in grado di fornire maggiore affidabilità. In attacco il volto nuovo potrebbe essere Nicola Talamo, che dopo aver timbrato il tabellino dei marcatori contro il Gravina, scalpita per una maglia da titolare.

boom indirizzo

Nel frattempo il presidente Giancarlo Natale ha rivolto un appello ai tifosi delle due Nocera tramite il canale social ufficiale della società.
«Sono rimasto molto colpito dal supporto che la squadra ha ricevuto durante l’intera gara di Gravina dai nostri supporters giunti domenica scorsa in Puglia – ha scritto il patron del club di via Atzori – è grazie al vostro sostegno che i nostri ragazzi hanno lottato fino alla fine riuscendo ad ottenere un risultato positivo. Da presidente e da tifoso della Nocerina, vi chiedo di farci sentire sempre il vostro calore. Mi rivolgo all’intera tifoseria, non solo allo “zoccolo duro” che non fa mai mancare il proprio apporto. Mi piacerebbe già da domenica contro il Francavilla, rivedere il San Francesco interamente colorato di rossonero e che possa finalmente tornare ad essere come in passato, la nostra arma in più. Da parte della società e della squadra, vi garantisco il massimo impegno per meritare il vostro supporto e la vostra fiducia. Forza molossi».