fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

E' Dariya Derkack la Campionessa che ha frequentato la scuola "Solimena-De Lorenzo"

Dariya Derkack Campionessa di salto in lungo e salto triplo, è nata in Ucraina ed è arrivata in Italia da piccola con i suoi genitori. Dariya Derkack ha frequentato la scuola Solimena-De Lorenzo dall'anno scolastico 2005/2006 all'anno 2007/2008.

Pin It

Pin It

La redazione del Suntime, diretto dalla professoressa Annamaria Bove, aggiungono al loro bagaglio l'esperienza dell'incontro con il direttore de "L'osservatorio Flegreo". Si è parlato di giornalismo cartaceo e online

Pin It

Pin It

Il Museo dello Sbarco diretto da Eduardo Scotti è ormai una realtà conosciuta in tutto il mondo.

Il museo dello sbarco è sorto per ricordare, attraverso i reperti conservati e le immagini che vengono proposte ai visitatori, un avvenimento importante avvenuto nella nostra regione nel 1943-44, cioè lo sbarco Alleato a Salerno, che a quel tempo era capitale provvisoria.

Pin It

Pin It

La didattica digitale e l’uso “intelligente” della rete al centro di un convegno organizzato dall’Associazione “Social-Disco”

 

 

 

 

 

 

 

 

Si parlerà di nuovi media, di giovani “tecnologici” che utilizzano nella quotidianità smartphone, tablet e soprattutto social, nel Convegno “Il – Mi Piace – che non ti aspetti” sulla dipendenza tecnologica e i rischi dei “social”, martedì 24 febbraio alle ore 18.00 presso la Biblioteca comunale “Aldo Moro” di Nocera Superiore. All’incontro sono previsti interventi da parte di figure professionali diverse e anche la partecipazione della sottoscritta, Annamaria Bove, in qualità sia di docente della Scuola “Solimena-De Lorenzo” che sperimenta ed utilizza la tecnologia nella didattica che di formatore docenti per l’Indire.

Pin It

Pin It

La Scuola "Solimena-De Lorenzo" rievoca il "Giorno del Ricordo" con seminari di approfondimento.

Le foibe sono cavità carsiche di origine naturale con un ingresso a strapiombo. È in quelle voragini dell'Istria che fra il 1943 e il 1947 sono stati gettati, vivi e morti, quasi diecimila italiani. 

La prima ondata di violenza esplose subito dopo la firma dell'armistizio dell’8 settembre 1943: in Istria e in Dalmazia i partigiani slavi si vendicarono contro i fascisti e gli italiani non comunisti.

Pin It

Cerca