fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

All’inaugurazione dell'iniziativa formativa il presidente Maurizio Pagano ha illustrato i risultati di uno studio sull’incidenza del Covid 19 sulla trombosi venosa degli arti inferiori
Ha preso il via sabato 1 maggio il corso di formazione ed aggiornamento on line sulle patologie vascolari promosso dalla Società italiana di FleboLinfologia (SIFL) che, a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid 19, non potrà riproporre l’annuale congresso nazionale in presenza. Il corso avrà durata di un anno e terminerà il 30 aprile 2022.

Pin It

Pin It

Uno studio promosso da SINuC, Gircg e dalla Onlus ‘Vivere senza stomaco, si può’ mette in luce che nove pazienti su dieci soffrono di questo problema, pericolosissimo per la salute
È allarme "glicemia ballerina" nei pazienti che non hanno più lo stomaco per colpa di un tumore gastrico: circa 80mila in Italia.

Pin It

Pin It

In occasione della Giornata nazionale della Salute della Donna il Distretto di Nocera Inferiore annuncia l'ampliamento del servizio con la disponibilità anche di consulenze internistico-reumatologiche

Giovedì 22 aprile, alle 10:30, presso il Distretto sanitario di Nocera Inferiore, sarà presentato il percorso dedicato alla Medicina di Genere, che si arricchisce oggi di consulenze internistico-reumatologiche secondo un percorso di presa in carico della persona tenendo conto della differenza di genere.

Pin It

Pin It

Se ne è parlato in un Convegno web organizzato da FortuneItalia in collaborazione con l’Intergruppo Parlamentare Scienza e Salute, CittadinanzAttiva e #VITA

virus terapia genicaIl 2030 sarà un anno cruciale per la medicina, che, grazie alle ricerche sulle terapie genetiche avanzate in corso, sarà in grado di curare inizialmente 350 mila persone all’anno affetti da malattie oggi incurabili, con successivi incrementi di 50mila persone all’anno. Se ne è parlato nel convegno digitale “Terapia Avanzate: come arrivare ad un cambio di paradigma sostenibile” organizzato da FortuneItalia con l’Intergruppo Parlamentare Scienza e Salute, CittadinanzAttiva e l’associazione #VITA (Valore e Innovazione delle Terapie Avanzate) composta da aziende impegnate nella ricerca in questo settore, seguito da una tavola rotonda con le Istituzioni.
Sono già oltre 450 aziende le aziende nel mondo sullo sviluppo delle terapie geniche (appartenenti alla più ampia categoria delle terapie avanzate dove le aziende coinvolte sono 900). Sarà una rivoluzione per il malato e per la società. La vera nuova frontiera della medicina che oggi spazia dalle malattie genetiche e, in particolar modo quelle rare, al cancro, passando per le malattie autoimmuni e le malattie infettive.
terapia genicaQueste nuove tecnologie nascono dall’idea di usare i geni, alla base del funzionamento delle cellule, come se fossero minuscoli pezzi di ricambio capaci di sostituire le parti difettose. Grazie a questi si possono ristabilire, correggere o modificare le funzioni fisiologiche compromesse nei malati. I costi iniziali per i sistemi sanitari dovranno essere gestiti nell’ambito della sostenibilità, adeguando gli strumenti di contabilità nazionale ed europea che oggi qualifica tutta la spesa farmaceutica come un ‘costo’ e non tiene conto che, grazie al progresso tecnologico, in alcuni casi sono presenti evidenti elementi di ‘investimento’, da fare una sola volta e che producono benefici immediati e duraturi nel tempo. Ciò consentirebbe di compensare contabilmente la spesa annuale con il risparmio per il Servizio sanitario nazionale generato dalla terapia, garantendone così l’accesso a un numero più elevato di pazienti potenzialmente eleggibili.
Tra i centri maggiormente impegnati in questo tipo di ricerca, in Italia troviamo l’Ircss San Raffaele di Milano, il Centro di medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, l’Ircss Bambino Gesù di Roma, il Centro clinico NeMO del Policlinico Gemelli, sempre a Roma, l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli.

Pin It

Pin It

Al via nuovi corsi per una rete di pediatri contro gli abusi da pandemia: Con l’emergenza è cresciuto anche l’uso incontrollato di internet anche da parte dei più piccoli, con i rischi conseguenti

violenza su minoriSeri conflitti di coppia esacerbati dalla convivenza obbligata, distruzione della routine domestica, insicurezza economica per le famiglie, ed ecco che la pandemia può vestire i panni dell’’orco’, costituendo un fardello pesantissimo per bambini e adolescenti.

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca