fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Il parlamentare e giornalista salernitano, componente della commissione cultura, alla vigilia dell’anno scolastico evidenzia come ci sia ancora molto lavoro da fare per una scuola che dia pari opportunità
Il parlamentare di Forza Italia Gigi Casciello«Nell’ultimo anno in Commissione Cultura alla Camera mi sono speso moltissimo per la scuola e sono parzialmente soddisfatto dei risultati ottenuti. L’innovazione informatica del coding, l’educazione civica che torna come materia interdisciplinare e la legge sull’incentivazione alla lettura sono solo alcuni tra i più rilevanti temi su cui ho lavorato intensamente, ma molto c’è ancora da fare per rendere più dignitoso sul fronte salariale il lavoro dei docenti e per accorciare il gap tra le scuole meridionali e quelle del Nord. È inaccettabile che, di fatto, l’Italia abbia due sistemi scolastici in termini di servizi e di strutture». Lo afferma l’onorevole Gigi Casciello, deputato di Forza Italia, alla vigilia dell’inizio del nuovo anno scolastico.
Il parlamentare salernitano, componente della Commissione Cultura di Montecitorio, rivolge un messaggio di “buon lavoro” ai ragazzi, in particolare ai 157mila allievi che tornano tra i banchi della provincia di Salerno, e a tutte le componenti del mondo scolastico: «Ai docenti, ai dirigenti, a tutto il personale della scuola e agli studenti va il mio augurio più vero perché sia un anno scolastico soprattutto ricco di passione e conoscenza. La scuola deve essere amata, ma bisogna fare in modo che gli studenti la amino. E deve servire alla formazione umana e culturale dei nostri giovani e deve rappresentare un autentico punto di riferimento per consegnare alla società cittadini consapevoli oltre che preparati. La mia promessa - chiosa l’onorevole Gigi Casciello - è portare avanti un lavoro di stimolo e vigilanza verso il Ministero della Pubblica Istruzione, teso anzitutto a colmare l’assurdo gap che la scuola del Sud ancora paga rispetto alle regioni del Nord Italia».

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca