fbpx

In controtendenza con ogni abitudine di agire, il movimento guidato dall'ex assessore della Giunta Cuofano conferma con quatto anni di anticipo di aver già stretto il coltello tra i denti per combattere alla conquista del sindacato nella cittadina dell'Agro

«Non vi sembri strano se a volte le cosiddette indiscrezioni vengono confermate». Esordisce così il comunicato diramato oggi da Polis Sa, con il quale si rende ufficiale la candidatura di Mimmo Oliva, ex sindacalista Cgil e portavoce del movimento, alla poltrona di primo cittadino di Nocera Superiore alla prossima tornata elettorale.

«Polis Sa ha deciso - continua il documento - la scorsa settimana di puntare per le prossime amministrative su Mimmo Oliva per la corsa a sindaco di Nocera Superiore e la scelta, ad unanimità di tutto il gruppo dirigente, è completamente coerente con il modus operandi del movimento».
Sono in molti ad aver avuto seri momenti di perplessità: le prossime elezioni, se eventi inattesi non sconvolgeranno i tempi, sono previste nel 2019. A che pro tanto anticipo? Quel è il secondo fine di questo "proclama". Da Polis rispondono anticipatamente a questa domanda, giustificandola come proprio modus agendi. «Tanto tempo prima? Perché no? Polis Sa non “soffre” delle dinamiche proprie dei partiti tradizionali e quindi ha ritenuto che cominciare a sgombrare il campo da una scelta che potesse non essere improvvisata fosse coerente con il percorso che sta avviando ovunque. Il gruppo dirigente ha ritenuto che questo avrebbe dato anche maggior tranquillità per la costruzione di una squadra capace, competente e non improvvisata che sia con il tempo riconoscibile sul territorio. Aperti alla città e a ciò che in essa si muove e si agita è il nostro obiettivo. E’ un movimento che nasce dal basso e le scelte si fanno in coerenza, noi ci siamo e navighiamo controvento».