fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Per la prima volta dal 1976 la città avrà uno strumento di sviluppo urbanistico.  Il piano è stato redatto in piena collaborazione con i cittadini, e sono stati accolti suggerimenti di Legambiente, M5S e Pd. Ora il nulla osta della Provincia e il varo in Consiglio comunale

Potrebbe arrivare entro il 2015 il nuovo Puc di Nocera Inferiore. La Giunta comunale, infatti, ha approvato ieri quella che si può definire bozza definitiva del piano, che è il primo nuovo strumento urbanistico di cui si appresta a dotarsi la città dal 1976.
Il suo iter ha visto numerosi confronti con la cittadinanza e per la sua formazione Torquato e la sua amministrazione hanno tenuto pieno conto dei suggerimenti di Legambiente, del Movimento 5 stelle e del Partito democratico.


I passi successivi saranno il nulla osta della provincia di Salerno ed infine l'approvazione definitiva da parte del Consiglio comunale.
Vistosamente soddisfatto del risultato ormai raggiunto il primo cittadino, Manlio Torquato: «Dopo il passaggio del 2006, che in realtà fu sono una variante del vecchio piano regolatore alle regole di quello che oggi si chiama piano urbanistico comunale - spiega - la mia amministrazione si appresta a varare uno strumento che tanti attendevano e che disegnerà il futuro - non solo urbanistico - di Nocera Inferiore».
In una città che dal punto di vista urbanistico è cresciuta in modo disordinato favorendo qualche scempio edilizio di troppo, il nuovo piano permetterà da un lato di mettere un deciso freno al consumo dei suoli, evitando anche gli asservimenti di aree eterogenee per raggiungere il lotto minimo di terreno per costruire. In pratica, fino ad oggi, se per costruire erano necessari 5mila metri di terreno disponibili, se ne potevano avere ad esempio duemila nel posto destinato alla costruzione, ed alti tremila potevano essere anche in cima ad un monte ben lontano. Da oggi non sarà pià possibile.
Via libera anche alla conversione dei sottotetti in abitazioni, anche nel centro storico,purché si rispetti il limite minino di altezza di 2,20 metri: solo per dodici edifici cittadini è stato posto divieto assoluto di interventi di questo genere. Molte novità anche per le aree agricole.

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca