fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Valore delle azioni calato da due euro a ventiquattro centesimi. Se l'istituto, che è la nostra terza banca, va a fondo, la Nazione rischia il collasso finanziario

Monte dei Paschi di Siena: lo specchio dell'Italia sprecona, imbrogliona e politicamente scorretta. Nonostante due precedenti aumenti di capitale miliardari a carico di azionisti super-bidonati, il valore del titolo azionario si è ridotto negli ultimi ventiquattro mesi da due euro a 24 centesimi di euro.

Nel corso dell'assemblea degli azionisti per il relativo salvataggio tenuta il 24 novembre 2016 è stato richiesto e votato, tra l'altro, l'accorpamento delle azioni 1 ogni 100: espediente che avvolge nella nebbia le malefatte del passato aziendale e prelude ad un altro bagno di sangue per quel poco che resta ai malcapitati azionisti.
Il prezzo massimo di sottoscrizione delle nuove azioni è stato fissato in 24,9 euro: valore improbabile che tende a restituire momentaneamente il prestigio aziendale dissipato nel tempo ed una visibilità artificiosa sul piano borsistico.
Se va a fondo il Monte Paschi - data di nascita 1472, terza banca italiana per clienti, giro d'affari e dipendenti - l'Italia rischia il collasso finanziario, economico e politico. E la politica appare interessata fortemente alla scabrosa vicenda bancaria, vista anche la tempistica programmata per gli appuntamenti dei vertici societari.
Una seconda riunione del consiglio di amministrazione sarebbe già calendarizzata per lunedì 5 dicembre 2016, quindi immediatamente dopo il referendum costituzionale che pende come una spada di Damocle sull’esito dell’operazione. In quella data i vertici potrebbero discutere sia dell’impegno degli investitori stabili sia dell’accordo di sottoscrizione con il consorzio di garanzia per l’aumento di capitale pari a cinque miliardi di euro. La ricapitalizzazione dovrebbe partire tra il 7 e l’8 di dicembre (tre/quattro giorni dopo il referendum del 4 dicembre) per concludersi entro Natale.
E' interesse di tutti - Governo italiano in primis anche nella sua qualità di primario azionista - salvare l'istituto di credito senese ricorrendo, se necessario ed in via eccezionale, all'intervento pubblico per un rapido ed efficace risanamento.
E’ opportuno non stritolare gli attuali azionisti: sarebbe l’ennesimo, micidiale colpo al dettato dell'articolo 47 della nostra Costituzione che protegge il risparmio e gli investitori.
Tutto questo in una fase della storia italiana caratterizzata da andamento insoddisfacente dell'economia nazionale e dalla inadeguatezza delle istituzioni pubbliche a porvi credibile rimedio; in una fase nella quale l’Italia è sorvegliata speciale per l’ingestibile debito pubblico (2.230 miliardi di euro) e per le strozzature economiche e burocratiche che ne bloccano la possibile crescita.

Sàntolo Cannavale
www.santolocannavale.it

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca