fbpx

Una sarcastica proposta del nostro esperto di economia, fortemente critica verso le ultime imposizioni di Bruxelles in ordine al salvatgaggio delle banche anche a scapito dei risparmiatori  

Le recenti vicende riguardanti Banca Etruria e Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara, Cassa di Risparmio di Chieti, Banca delle Marche, Veneto Banca (e non solo), impongono riflessioni e ripensamenti sulle modalità di trattamento e possibile protezione del risparmio, a partire dalla normativa costituzionale italiana che dispone in materia.

L’articolo 47 della Costituzione italiana, avente ad oggetto risparmio e credito, recita testualmente: “La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l'esercizio del credito. Favorisce l'accesso del risparmio popolare alla proprietà dell'abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.”
Alla luce delle cogenti normative, nazionali ed europee, dei nuovi "controllori" e delle recenti, pregiudizievoli vicende bancarie italiane, propongo la seguente, nuova articolazione dell’articolo 47 della Costituzione italiana:
“La Repubblica riconosce l’importanza del risparmio per il sostegno dell’economia nazionale. La tutela del risparmio, in assenza di rischio, è condizionata a modalità e limiti concordati in sede di Comunità Europea. La Repubblica disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito, con supervisione dei maggiori istituti di credito nazionali da parte della Banca Centrale Europea in coordinamento con la Banca d’Italia."

Sàntolo Cannavale
www.santolocannavale.it