fbpx

Il sistema di sospensioni di un'auto comprende un gran numero di componenti, che svolgono tutti un ruolo importante nel garantire la controllabilità, la scorrevolezza e la stabilità in curva. Ma forse l'elemento chiave di questo sistema sono le molle.

Insieme alle molle a balestra e alle torsioni, sono uno degli elementi di resistenza della sospensione. Le molle proteggono la catena cinematica, la carrozzeria e altri componenti della vettura, riducendo notevolmente gli effetti negativi degli impatti dovuti alle irregolarità del manto stradale. Inoltre, sostengono il peso della carrozzeria e forniscono la necessaria altezza da terra. Nel complesso sono uno dei componenti che rendono la guida confortevole e sicura.

Molla dell'ammortizzatore foto da autoparti.it

Molla e ammortizzatore: come funzionano

Quando una ruota urta un dosso, la molla si comprime e la ruota si stacca per un attimo dalla strada. L'elasticità della molla fa sì che l'impatto sul corpo venga trasmesso in modo molto più morbido. La molla si sblocca e cerca di riportare la ruota a contatto con la strada. In questo modo, l'aderenza del pneumatico alla strada non viene meno.

Tuttavia, in assenza di un elemento di smorzamento, l'oscillazione della molla durerebbe a lungo e, in molti casi, non sarebbe in grado di attenuarsi fino al prossimo ostacolo. Ciò significa che l'auto ondeggerebbe quasi continuamente. In queste condizioni è difficile parlare di maneggevolezza, comfort e sicurezza di guida soddisfacenti.

La soluzione a questo problema è l'ammortizzatore, che agisce come un dispositivo di smorzamento delle vibrazioni. Quando la molla e l'ammortizzatore sono in equilibrio, l'auto si guida in modo fluido e sterza bene, senza affaticare eccessivamente il conducente. Tuttavia, quando uno degli elementi dell'accoppiamento è usurato o difettoso, l'equilibrio è sballato.

Quando sostituire le molle

Esistono diversi segnali principali che indicano l'usura di queste parti.

  1. Cedimento dell'auto su una ruota. È possibile misurare la distanza tra gli archi e il terreno e confrontare i risultati con quelli indicati nei documenti di riparazione.
  2. La distanza dal suolo si è ridotta o l'auto è sensibilmente più bassa, anche sotto carico normale. La corsa della sospensione in compressione è minima. Ciò è possibile se l'auto viene spesso sovraccaricata. Altrimenti è una questione di fatica del metallo.
  3. Rumori delle sospensioni, anche se non si notano smorzamenti o segni di usura degli ammortizzatori. Probabilmente si è rotto un piccolo pezzo all'estremità della molla.
  4. La ruggine può essere individuata con un'ispezione visiva. Il problema inizia con un danno alla vernice, seguito dall'umidità. La corrosione danneggia la struttura del metallo, rendendolo più debole e fragile.
  5. Se notate che le sospensioni sono più rigide e che l'ammortizzatore batte spesso a causa della rigidità, vale la pena di controllare anche le condizioni delle molle.