fbpx

Una rassegna con sei proiezioni che si terranno tra la sede Arci di via Matteotti e la biblioteca comunale al corso Vittorio Emanuele. Il presidente Michele Perilli: «Il cinema per noi e’ cultura, la cultura e’ democrazia»

 

Partirà giovedì 13 marzo per concludersi il 17 aprile la rassegna cinematografica organizzata dall' Arci-Uisp "A. Simeon" di Nocera Inferiore in collaborazione con la cooperativa sociale “Giovanile” e con il patrocinio morale del comune di Nocera Inferiore - Assessorato alla pubblica istruzione e  cultura. La prima delle sei proiezioni, tutte a ingresso libero e gratuito, si svolgerà a partire dalle ore 19:00 presso la sede sociale dell’Arci "Simeon", in via Matteotti 46, al primo piano della scala A.
Il film in programma è "Ruggine" di Daniele Gaglianone. Il perché del ciclo cineforum ce lo spiega il presidente del circolo, Michele Perilli: «l’ idea di organizzare un cineforum nasce dall’esigenza di creare occasioni d’aggregazione per confrontarsi su tematiche sociali e culturali. Le sale cinematografiche sono in molti documenti indicate come “luoghi di incontro e di dialogo, spazi di cultura e di impegno, per un’azione sapiente di recupero culturale”. L’iniziativa vuole mettere in evidenza sia la componente sociale del mezzo cinematografico, che può offrire opportune occasioni di dialogo tra coloro che fruiscono di tale mezzo, attraverso lo scambio sul tema trattato, che l’importanza del cinema, inteso come veicolo di scambi culturali ed invito alla riflessione nei confronti di realtà estranee alla nostra formazione e mentalità. Motivazione principale che ci ha spinto all’organizzazione del Cineforum è la convinzione che il cinema, con le sue molteplici potenzialità, può divenire valido strumento per socializzare e di partecipazione attiva.
Gli appuntamenti successivi sono il 20 marzo con “L’amore buio” di Antonio Capuano e il 27 marzo con “Un giorno speciale” di Francesca Comencini. Il primo presso la biblioteca comunale, mentre il secondo nuovamente nella sede Arci di via Matteotti.

Paloma Féliz