fbpx

Il giovane drammaturgo, scomparso in modo drammatico nel 1986, rivive nel monologo portato in scena da Enzo Moscato, che ricorda: «Annibale rivive in me come una sorta di Malombra»

 

Al Teatro Ghirelli di Salerno, dal 6 al 9 febbraio, Enzo Moscato commemora da regista il giovane drammaturgo Annibale Ruccello, tragicamente scomparso nel 1986.

Lo fa attraverso il monologo “Compleanno” che segue la duplice  tematica del delirio e dell’assenza,  entrambi sviluppati in parole, suoni, visioni, gesti, e mirati a colmare il vuoto, l’angoscioso non sense della vita.
L’autore e regista mette in scena una specie di esercizio quotidiano del dolore e di superamento della pulsione di morte, senza assecondare per niente l’autodistruttività, ma guardandoli quasi ironicamente, in una sorta di paradossale festa ma anche di sconvolti, teneri ricordi.
Uno spazio essenziale, eppur pomposo. Un tavolo, due sedie, forse tre.  Poche rose rosse finte sulla tovaglia con un modesto spumante già stappato e una coppa opaca di metallo. Il tutto rinvia all’ordinarietà. Una tavola che attende una rimpatriata tra amici o forse un birthday-party tra comari spettegolanti.
«Emotivamente, ho sempre “rifiutato” la morte di Ruccello – dice Moscato - L’ho rimossa, negata, sin dai primi istanti successivi all’incredibile, terribile notizia, datami per telefono quella sera del 12 settembre 1986. E questo rifiuto, questa rimozione, questa negazione del suo svanire fisicamente dal mondo e da questa città (che, in verità, non l’ha mai amato, come non ama nessuno che voglia cambiarla o aiutarla a cambiarsi) continua a persistere in me, ancora tuttora, con una caparbietà e una tenacia infantili che, sono certo, dureranno fino a che avrò respiro, fino al giorno in cui anch’io, suo amico e suo complice a teatro, sarò chiamato a raggiungerlo là dove credo si è rifatto un’altra bella carriera. Qualcosa di avventuroso, ma che nulla ha a che fare coi teatranti. Me lo immagino ora, un trafficante d’armi, come Rimbaud dopo la grande stagione all’inferno della sua poesia, o cacciatore di tenebre esotiche, come i migliori eroi di Conrad. Questa persistenza della vita di Ruccello in me, oltre e nonostante la morte, questa specie di “Malombra” ma senza compiacimento letterario – aggiunge Moscato - è da ascrivere senz’altro all’onnipotenza magica, annullatrice del reale, di uno schizofrenico, certo; ma anche all’intima, differente natura di quelle enigmatiche creature che, per convenzione, chiamiamo artisti, e che non si arrendono mai (non dovrebbero arrendersi mai) neppure davanti alla più evidente bruttura del reale, al più spietato tradimento del nostro puerile, ma sublime, sogno di eternità. Eternità da guitto, è logico. Tutta fintoni, cantinelle, mezze quinte, carta pesta.
Qualcuno troverà che sragiono, ma per me è naturalissimo che io viva così, ancora a tutt’oggi, quel geniale fanciullone; quel candido e, allo stesso tempo, perverso estensore di storie ispirate al ‘camp’, alla novellistica nera, ai ‘cult-movies’ americani, innestandoli sul grande tronco della letteratura verista o naturalista meridionale, imbrattandoli, di continuo, con la sua fecale, irriverente, martellante lingua tutta vesuviana. Trovo naturalissimo – conclude Moscato - conservarlo nelle parole che batto a macchina, nei gesti che traccio sulla scena, nelle volute della voce tesa ad accendere inquiete interrogazioni negli orecchi di chi ci viene a guardare o a ‘sentire’ a teatro».
Il testo e la regia sono di Enzo Moscato, la Compagnia teatrale porta anche il suo nome, la scena ed i costumi sono di Tata Barbalato, mentre Salvio Moscato  produce il sottofondo musicale di voce su chitarra. L’organizzazione generale si deve a Claudio Affini.


Gabriella Taddeo