fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

teatro Diana

  • Il giovane attore napoletano, sul palco del Diana venerdì insieme a Nunzia Schiano, parla della sua formazione teatrale e della commedia che porterà in scena

    di Fabrizio Manfredonia

    Manca pochissimo al terzo spettacolo della rassegna “L’Essere e l’Umano” a cura di Artenauta teatro, sotto la direzione artistica di Simona Tortora e l’organizzazione di Giuseppe Citarella.

  • Con uno spettacolo prodotto da Artenauta teatro e diretto da Simona Tortora, cala il sipario sull’edizione 2018/2019 de “L’Essere e l’Umano”

    di Fabrizio Manfredonia

    Fotografie di Massimiliano Marolda, dalla pagina ufficiale Artenauta teatro

    La prima cosa che salta all’occhio dell’ultimo lavoro di Simona Tortora, che chiude la rassegna l’Essere e l’Umano, più che il titolo, “Cantare alle ossa”, già di per se misterioso e suggestivo, è il sottotitolo “azione poetica”: quasi un ossimoro, quasi un invito a vivere la poesia, in barba a chi la vorrebbe relegata alle pagine di un  qualche libro di scuola.

  • Parte ufficialmente la rassegna “L’Essere e L’Umano” di Artenauta Teatro e Simona Tortora con il primo spettacolo per la regia di Elisa Canessa

    di Fabrizio Manfredonia (foto Gabriella Davolio)

    “Immagina che ti resti soltanto un minuto da vivere. Che fai?” Parte da questa semplice (si fa per dire) premessa, lo spettacolo “Ad esempio questo cielo” di Elisa Canessa prodotto dalla “Compagnia Dimitri/Canessa” e Theaterwerkstatt Glais 5 con il sostegno della fondazione culturale del Canton Turgovia, dipartimento culturale città di Frauenfeld e Kuturpool Regio, cui spetta il compito di inaugurare la rassegna numero sei de “L’Essere e L”Umano”, un percorso disegnato da  Simona Tortora e Artenauta Teatro con l’organizzazione di Giuseppe Citarella in collaborazione con il “Teatro Pubblico Campano”, il patrocinio del comune di Nocera Inferiore e che quest’anno consterà di sette tappe da venerdì 31 gennaio a venerdì 29 maggio.