fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

La Terza sezione del Tribunale amministrativo regionale ha ritenuto che il ricorso presentato dal Comitato "No Vasche" e dai comuni di Montoro e Nocera Inferiore potesse avere un fondamento, e ha bloccato tutto in attesa che Arcadis fornisca i dati mancanti per la rilevazione dell'impatto ambientale

Colpo di scena al Tar campano per la questione vasche di laminazione: la terza sezione del Tribunale amministrativo ha accolto la richiesta del Comitato "No Vasche", e dei comuni di Nocera Inferiore e Montoro sancendo una sospensiva alla realizzazione del progetto regionale che tanto preoccupa amministrazioni locali e cittadini per i palesi gravissimi pericoli per la salute della popolazione delle zone interessate, al termine di una non breve camera di consiglio.
«Considerato all’esame sommario - scrive nel provvedimento il collegio di magistrati composto dal presidente Sabato Guadagno, dal consigliere Ida Raiola e dall'estensore Alfonso Graziano - proprio della cognizione cautelare e impregiudicato ogni altro profilo sia di rito che di merito - che il ricorso non sia del tutto sprovvisto di fumus boni juris, avuto riguardo alle prospettate deficienze istruttorie sotto i seguenti profili: a) se nel procedimento de quo sia stata adeguatamente considerata, alla luce di dati aggiornati, la situazione di inquinamento del fiume Sarno, dei corsi d’acqua affluenti di questo e della’area territoriale limitrofa; b) se sia stata valutata l’incidenza del progetto de quo, avuto riguardo alle modalità di realizzazione dello stesso, sulla preesistente situazione di inquinamento del bacino fluviale e dell’area territoriale richiamati». Il collegio, nel prosieguo, ha quindi sancito di accogliere l’istanza cautelare di sospensiva, e ordinare «alla Regione Campania di rendere, entro il termine del 30 luglio 2014, documentati chiarimenti in ordine ai seguenti profili: a) se nel procedimento de quo sia stata adeguatamente considerata, alla luce di dati aggiornati, la situazione di inquinamento del fiume Sarno, dei corsi d’acqua affluenti di questo e della’area territoriale limitrofa; b) se sia stata valutata l’incidenza del progetto de quo, avuto riguardo alle modalità di realizzazione dello stesso, sulla preesistente situazione di inquinamento del bacino fluviale e dell’area territoriale richiamati».
Il Tribunale ha poi fissato la prossima udienza al 9 ottobre 2014, ed ora sono in molti a sperare che, come parrebbe da indagini fatte dai membri del Comitato e da qualche parlamentare, i dati richiesti non siano disponibili come pare dal fatto che non siano stati inseriti nella valutazione di impatto ambientale (Via), e se esistano, che essi siano tanto lontani dall'esser "tranquilli" da poter definitivamente bloccare il progetto.

«Voglio ringraziare tutti gli amici del comitato, e le associazioni che hanno sostenuto questa battaglia - ha dichiarato il presidente Emiddio Ventre -  Un grazie particolare va al sindaco Torquato che con la sua amministrazione ha supportato in adiuvandum il nostro ricorso. Siamo coscienti che è sola una prima tappa, di un lungo percorso, ma per il bene della nostra terra e dei nostri figli continueremo a lottare facendo arrivare la nostra voce in Europa. Non si può ingannare un popolo facendo apparire il fiume più inquinato d'Europa, come un ruscello di acqua pura».

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca