fbpx

La carcassa di un esemplare della specie Capopiatto s’è arenata stamattina sulla spiaggia salernitana attirando l’attenzione dei presenti. Rimossa infine con un muletto

Stamattina sull’arenile della spiaggia della Baia, tra Vietri e Salerno, i bagnanti hanno fatto un ritrovamento alquanto inusuale: la carcassa di un esemplare di squalo capopiatto di circa 3 metri.


L’animale, benché (ahilui) ormai morto, ha destato paura e sorpresa tra gli astanti che non hanno resistito ovviamente ad immortalarlo con i propri smartphone. Foto e video girano infatti da ore sulle pagine social locali.

Il corpo è stato infine rimosso con l’aiuto di un muletto.

 La specie Capopiatto, nota anche come squalo sei branchie o squalo vacca è una delle circa 45 diffuse nel Mar Mediterraneo e come molte di queste, nonostante le dimensioni considerevoli che può raggiungere (fino a 5,5 m di lunghezza) non rappresenta un pericolo per l’uomo.

Si tratta infatti di animali generalmente molto poco interessati all’uomo e raggiungono le acque basse in rarissimi casi.

boom indirizzo