fbpx

Rotazione di incarichi all'interno della redazione del nostro quotidiano telematico: Gigi Di Mauro passa a dirigere il settore cultura e spettacolo, Nello Vicidomini nuovo vice
Inizia con una rotazione degli incarichi il 2022 per il Risorgimento Nocerino. Da oggi il nuovo direttore responsabile è Valerio D'Amico, che da qualche anno ricopriva l'incarico di vice, passato ora al vulcanico Nello Vicidomini.
Promozione anche per Fabrizio Manfredonia, che diventa il responsabile della direzione sportiva.


Non lascia Gigi Di Mauro, che si occuperà della redazione cultura e spettacolo, e a cui resterà il coordinamento editoriale.
«È un onore per me - dichiara Valerio D'Amico, ben conosciuto come giornalista sportivo e tifoso ad oltranza della Nocerina - ricoprire questo ruolo e succedere a chi ha ridato vita al giornale più antico di Nocera. Chiaramente si andrà avanti nel segno della continuità, con la sagace guida di Gigi Di Mauro, la collaborazione del vice Nello Vicidomini e con una redazione giovane e desiderosa di garantire ai lettori contenuti quanto più possibile interessanti e precisi».
«Non lascio il Risorgimento, cui sono legato come un padre al figlio - ci dice invece Gigi Di Mauro - Per me, da un lato, è una sorta di ritorno al passato, quando per l'edizione campana de "Il Giornale", a cavallo del cambio di secolo, mi occupavo proprio di cultura e spettacolo. Gli impegni professionali legati all'attività del centro ascolto familiare e la necessità di riconoscere e premiare le capacità dimostrate da Valerio e Nello in questi anni mi inducono a lasciare spazio ai giovani, come si dice in questi casi. Sono certo che porteranno il Risorgimento Nocerino, con il supporto di Fabrizio Manfredonia e di tutti gli altri componenti della redazione, a risultati ancora migliori di quelli che abbiamo, tutti insieme, raggiunto in questi primi dieci anni della nuova vita della testata. A Valerio, e a Nello, i miei più affettuosi auguri, certo di aver lasciato il timone a persone più che capaci e affezionate alla testata».

conflitti in famiglia