fbpx

Il personale somministrato dell’Azienda Comunale Servizi Esterni chiedono al primo cittadino Salvati di rinnovare il proprio rapporto di lavoro invece di assumere nuovo personale

palazzo meyerRiceviamo e pubblichiamo una lettera scritta dai lavoratori interinali ACSE (Azienda Comunale Servizi Esterni) di Scafati in merito alla scadenza ormai prossima del proprio rapporto di lavoro con l’Ente e a eventuali provvedimenti per il futuro

“Chiediamo al sindaco di Scafati dottor Cristoforo Salvati chiarimenti e informazioni riguardo la "sorte" dei lavoratori in rapporto somministrato presso ACSE s.p.a. , che in data 29/05/21 avranno la cessione del contratto. Siamo somministrati dal 25/10/19 ed abbiamo lavorato continuamente senza soste contrattuali per tutto questo periodo. Chiediamo come sia possibile che si stia scegliendo la strada della ricerca di nuovo personale somministrato che comunque vada non migliorerà ne stabilizzerà la situazione del personale di ACSE s.p.a. visto che in questo periodo ci sono stati pensionamenti e ne seguiranno comunque altri presumibilmente già in  anno corrente. È vero che per la stabilizzazione ci vuole un concorso pubblico, ma e anche vero che comunque il personale attualmente presente e' stato selezionato pubblicamente e non ha legami di parentela o altro con personale, dirigenti ACSE. Chiediamo al sindaco quindi come mai si sia voluto percorrere subito la strada per una nuova selezione di personale somministrato invece che chiedere un parere o una deroga  al Governo per  poter stabilizzare i lavoratori, usufruendo così anche delle detrazioni fiscali per l'assunzione di under 35 per 4 anni e risparmiando sia sul vestiario che sulla "formazione lavorativa” poiché presenti sono già capaci di poter svolgere le mansioni che il ruolo di operatore ecologico richiede. Quindi ad un rapido calcolo cercare di assumere i lavoratori somministrati già presenti non converrebbe, invece che cercarne periodicamente altri e "risparmiare " qualche spicciolo, visto che il costo orario a base d'asta e' di 18,53€ e la nuova agenzia interinale si e' aggiudicata l'incarico con un ribasso del  5,828% e comunque non risolvendo la situazione personale che verrà sempre a riproporre , mentre invece stabilizzando gli under 35 già presenti si sarebbe ottenuto la stabilizzazione delle persone con un lavoro dignitoso, un risparmio maggiore in termini economici visti gli incentivi statali per l'assunzione , un risparmio di tempo poiché non  ci vorrà ulteriore tempo per la "formazione" del personale ed inoltre sfruttando questa occasione di incentivi statali anche cercare di iniziare a dare continuità all'azienda ACSE s.p.a. in quanto avrebbe persone stabili e non magari sempre in meno visto che comunque i pensionamenti ci sono  e quindi la quota che si può andare a ricoprire si ridurrà sempre in meno persone poiché il numero di unità che si possono selezionare e' dato in base al personale stabile conteggiato al 1 gennaio di ogni anno . Inoltre facciamo notare che in questi due documenti approvati da ACSE in vari momenti ci sono comunque già differenze . A Voi la valutazione del caso e se questa situazione e' stata gestita con la diligenza di un buon padre di famiglia. I lavoratori somministrati chiedono visto il periodo di pandemia e ulteriore perdita di posti di lavoro se ci sono quindi possibilità che questa situazione lavorativa il 29/05/21 non diventi altro precariato che debba incidere sulle casse pubbliche usufruendo di prestazioni al sostegno del reddito quando nel contesto in cui opera ACSE il lavoro c'e' non manca ed e' un lavoro che non si ferma mai come dimostra il periodo di pandemia . Grazie.
P.s. Il sindaco riuscirà a spiegare se ha provato prima questa soluzione per stabilizzare i lavoratori, risparmiare soldi dei contribuenti e dare forza lavoro all'azienda Acse stabile e non precario?”