fbpx

Espressa soddisfazione per il risultato raggiunto dai rappresentanti dell'amministrazione. Ringraziamenti  anche per l'azienda che ha donato alla città sei rastrelliere per bici

olio usatoProsegue con ottimi risultati la raccolta degli oli esausti a Nocera Inferiore, con un incremento pari quasi al 50% rispetto ai dati raccolti nello scorso anno e una netta riduzione dei fenomeni di vandalismo che fino qualche tempo fa riguardavano i cassonetti di raccolta

Il lavoro certosino dell’assessorato alle politiche ambientali e all’ecologia, guidato dalla dottoressa Nicoletta Fasanino, sta producendo gli effetti sperati: negli ultimi mesi l’amministrazione comunale ha installato tre ulteriori postazioni di raccolta, in via De Concilis, via San Prisco e via Durano. Prosegue anche l’iniziativa dei “cassonetti domiciliari”, alla quale hanno aderito anche le parrocchie di Fiano, Fosso Imperatore e il convento di Sant’Antonio. Per ogni 100 litri di olio raccolti verranno donati alle chiese 10 kg di pasta, che potranno essere distribuiti ai vari banchi alimentari. Cliccando QUI sarà possibile scaricare il modulo, comunque disponibile sul sito internet del Comune di Nocera Inferiore, per richiedere il cassonetto che è riservato anche a condomini, scuole, uffici e attività commerciali.
rastrelliera biciPer premiare l’ottimo lavoro svolto la ditta LEM Mangia Group, incaricata per la raccolta degli oli esausti vegetali, ha fatto dono al Comune di Nocera di sei rastrelliere per biciclette, che sono state installate in altrettante aree frequentate prevalentemente dai bambini, ovvero: nei pressi della scuola di via Cafiero, vicino alla parrocchia di San Giovanni Battista di Cicalesi, nella zona della chiesa di San Giuseppe al Rione Calenda, nello spazio adiacente il parco San Pietro, nei pressi della scuola elementare di via Gramsci e in Via Vitolo, in prossimità dell’ingresso posteriore della scuola Ilaria Alpi.  
nicoletta fasanino«L’omaggio che abbiamo ricevuto premia il nostro impegno in questa missione di sostenibilità che consente di dare nuova vita agli oli riducendo l’impatto ambientale dello smaltimento e della produzione di carburanti meno inquinanti – commenta l’assessore Fasanino – ci auguriamo di migliorare sempre di più, grazie alla collaborazione di tutta la popolazione».