Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Secondo uno studio pediatrico, per sviluppare la forza della mano e la destrezza necessaria per tenere le matite, i piccoli non dovrebbero trascorrere così tante ore davanti ad uno schermo

di Alina D’Aniello

Un uso smodato di telefoni touchscreen e tablet impedisce ai muscoli delle dita dei più piccoli di svilupparsi a sufficienza per consentire loro di tenere una matita correttamente, dicono i pediatri più anziani.

«I bambini che vanno a scuola ricevono una matita ma non sempre sono in grado di tenerli perché non hanno le abilità fondamentali del movimento -  ha detto Sally Payne, la terapista occupazionale pediatrica principale presso la fondazione NHS Trust di Heart of England La forza della mano e la destrezza che avevano 10 anni fa, non c’è più»
bambini touchscreen1
Payne ha sottolineato quanto sia cambiata la natura del gioco. «È più semplice dare a un bambino un iPad che incoraggiarlo a fare giochi per costruire muscoli come blocchi di costruzione, tagliare e attaccare o tirare giocattoli e corde. Per questo motivo, non stanno sviluppando le capacità di base di cui hanno bisogno per afferrare e tenere una matita», ha dichiarato.
Come esempio, la terapista occupazionale ha riportato il caso di Patrick, un bambino di sei anni che ha dovuto sottoporsi a sedute terapeutiche per sei mesi. Quest’ultimo, non aveva più la forza necessaria nel suo dito indice per tenere una matita nella giusta presa.
«Col senno di poi, sono consapevole di aver dato a Patrick la tecnologia con cui giocare, con l'esclusione dei giocattoli più tradizionali – ha raccontato la madre – Un giorno, mi contattarono da scuola con perché Patrick stava afferrando la sua matita come gli uomini delle caverne tenevano dei bastoni. Quindi, non poteva imparare a scrivere perché non riusciva a spostare la matita con precisione».
Mellissa Prunty, un’altra terapista occupazionale pediatrica, specializzata in difficoltà di scrittura a mano nei bambini, è preoccupata che un numero crescente di questi potrebbe addirittura imparare a scrivere in ritardo a causa di un uso eccessivo della tecnologia.bambino touchscreen
«Il problema è che la scrittura a mano si sviluppa in modo diverso in ogni bambino - ha detto Prunty, vicepresidente della National Handwriting Association - Senza ricerca, il rischio è che facciamo troppe assunzioni sul perché un bambino non è in grado di scrivere all'età prevista e non intervenire quando c'è una causa legata alla tecnologia».
Anche se il curriculum dei primi anni ha obiettivi diversi per ogni scuola, molte di queste si concentrano sulla scrittura a mano in modi alternativi. Alcune, infatti, affiancano l’uso dei tablet alle matite. Questo però, diventa un problema quando i bambini trascorrono lunghi periodi di tempo davanti ad uno schermo, al di fuori dell’orario scolastico.
Anche Karin Bishop, assistente direttore presso il Royal College of Occupational Therapists, ha ammesso le sue preoccupazioni. «È innegabile che la tecnologia abbia cambiato il mondo in cui i nostri figli crescono - ha affermato - Mentre ci sono molti aspetti positivi dell'uso della tecnologia, ci sono prove crescenti sull'impatto di stili di vita più sedentari e l'aumento dell'interazione sociale virtuale, dato che i bambini trascorrono più tempo in casa online e meno tempo a partecipare fisicamente a occupazioni attive».

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca

Statistiche generali

Utenti
174
Articoli
6584
Visite agli articoli
8437890
« Giugno 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30