fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Sono sempre più le vittime di incidenti causati da persone distratte dall'uso dei social, anche durante la guida. E le cuffie ad alto volume non sono da meno

Smartphone e incidenti: un binomio che purtroppo è sempre più consolidato. Morire in auto perché si sta rispondendo ad un messaggio su Whatsapp, o finire sotto un treno perchè - distratti dalla chat a cui si sta partecipando - non ci si avvede del suo arrivo sono fatti di cronaca che leggiamo sempre più spesso sui quotidiani.

Una rivista di settore, Found!, ha approfondito l'argomento sulla situazione italiana, scoprendo che il 53% della popolazione sembra non volerne sapere di staccare gli occhi dal telefonino, neppure in strada.
Con l'aiuto di 25 esperti tra psichiatri e sociologi, lo studio ha permesso di accertare che i più distratti sono i milanesi (61%), seguiti dagli abitanti che passeggiano per le vie di Roma (58%). I peggiori di tutti sono i manager (65%) e gli imprenditori (62%) tra i 30 e i 45 anni, sempre intenti a dare un'occhiata a mail e documenti importanti. Dopo di loro, i giovani studenti (58%) tra i 16 e i 29 anni. Poi, gli over 50 (46%).
Ben oltre la metà delle persone intervistate ha ammesso di essersi scontrata almeno una volta con un pedone talmente immerso nei contenuti del suo smartphone da non rendersi conto di dove e come camminava e il 41% non è potuto salire subito su metro o bus perché davanti a lui qualcuno stava messaggiando e intralciava il passo.
La situazione - se possibile - sembra essere ulteriorimente peggiorata con l'avvento di Pokémon Go, con persone che nel tentativo di inseguire e catturare i mostriciattoli perdono ogni contatto con la realtà: è di questi giorni un utente talmente assorto nella sua cattura mentre era alla guida di un auto che è piombato senza rendersene conto sull'auto ferma di una pattiglia della polizia.
Tra gli utenti più pericolosi quelli con auricolari, magari usati anche a volume alto. La ragazza italiana finita sotto un treno la scorsa settimana pare che - proprio a causa della musica ad alto volume, non abbia sentito il treno sopraggiungere alle sue spalle. Una situazione cui mettere assolutamente riparo.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca