fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Hai un buon progetto ma non possiedi il denaro per finanziarlo? Non demordere, puoi chiedere il supporto economico della Rete e reperire i fondi che ti occorrono!

di Francesca Melody Tebano

Negli ultimi anni sta spopolando anche in Italia il fenomeno del crowdfunding,“il finanziamento dalla folla”. Si tratta, in sostanza, della possibilità di raccogliere fondi grazie all'aiuto dei sostenitori su internet.

Probabilmente i vostri figli adolescenti già lo utilizzano da qualche tempo, ma voi genitori ne avete solo sentito parlare, oppure non avete la minima idea di cosa si tratta

di Francesca Melody Tebano

Si chiama Snapchat, ed è un incrocio tra un social network e un'app di messaggistica. Ma cosa lo differenzia dagli altri social? Semplice. Risponde alla filosofia dello “scattarsi selfie, senza pensarci troppo”, perché poi qualsiasi contenuto si autodistrugge in pochi secondi, senza la possibilità di inserire like e altre tipologie di reazioni da parte degli utenti.

Dal 26 settembre, grazie a Peter Sloan, volto noto per le tante iniziative già realizzate, una full immersion di 15 giorni che insegnerà alla community i rudimenti della lingua di Shakespeare

di Anna De Rosa


Nasce su Facebook il primo corso gratuito che aiuta a imparare o migliorare la lingua inglese. Inglese social è un nuovo progetto che ci aiuterà ad affinare la nostra conoscenza dell’ inglese a partire dal 26 settembre, ogni giorno, dal lunedì alla domenica.

Mancano pochi giorni all'approvazione del nuovo decreto per limitare il bullismo in Rete. Dallo scorso 27 luglio il testo è stato completamente stravolto. Tantissime le perplessità

di Francesca Melody Tebano

Il 13 settembre è il giorno fissato dalla Camera dei Deputati per votare la nuova legge in materia di cyberbullismo. Fortemente voluta dalla senatrice del Pd, Elena Ferrara, dopo la morte di Carolina Picchio, la giovane ragazza che si tolse la vita a causa della diffusione di un video su Facebook, in cui veniva violentata da sei ragazzi.

Il 23 agosto del 1991 furono aperte al pubblico le pagine dell'istituzione ginevrina. Solo testo verde su sfondo nero e link funzionanti a numeri

di Gigi Di Mauro

Sono passati solo 25 anni da quando il Cern di Ginevra mise online le prime pagine web della storia, all'indirizzo info.cern.ch. Il sito funziona ancora oggi, e arrivando sull'home page è possibile scegliere la modalità di navigazione che riproduce esattamente quella del 1991: poche righe di testo verde su sfondo nero, come i monitor di allora.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca