fbpx
Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Le applicazioni di messaggistica spesso rallentano i dispositivi molto più di quanto pensiamo, vediamo come evitare che ciò accada utilizzando i "trucchi del mestiere"

di Nicola Solino

Dalla loro comparsa, gli smartphone hanno rivestito ruoli sempre più centrali nella vita quotidiana delle persone. Con essi, sono giunte ovviamente le app di messaggistica istantanea, tra cui Whatsapp sicuramente spicca. Uno dei problemi principali legati a questi strumenti è, tuttavia, l’abuso che essi fanno della memoria del dispositivo, rendendolo nel tempo sempre più lento. Non tutto è perduto, però, ed esistono alcuni trucchetti da poter utilizzare per alleggerire il carico e rendere così il cellulare più veloce.

Il soft computing e i sistemi AI, entro la fine della prossima estate, saranno i capisaldi dei sistemi di sicurezza in aeroporti e stazioni. Ecco come sarà possibile individuare i malintenzionati

di Alina D'Aniello

Il principale aeroporto degli Emirati Arabi sarà la prima aerostazione a pilotare il progetto pioneristico, basato sull’impiego dell’intelligenza artificiale nella sicurezza dei luoghi pubblici. Uno dei vantaggi dei nuovi sistemi AI sarà la velocità del controllo: esso, infatti, sarà realizzato all’interno di un tunnel.

Centinaia di telefonini hackerati da un programma spia. Si chiama 3 Mobile Updater, ed è un'app malevola per Android che spia e ruba i tuoi dati. Ecco come proteggersi…

di Francesca Melody Tebano

Apparentemente sembra in tutto e per tutto un'app per aggiornare il sistema operativo Android. Infatti utilizza persino lo stesso logo, ma si tratta di uno spywave e da qualche giorno sta infettando migliaia di smartphone, rubando i dati degli utenti.

Sale ad 85 il numero delle applicazioni pericolose scovate da Kaspersky all’interno del contenitore di Google, solamente tra ottobre e novembre 2017. I dati personali, richiesti agli utenti per l’accesso a queste applicazioni, venivano registrati e riutilizzati dagli hacker

di Antonietta Rosamilia


Non è certo la prima volta che una scoperta simile fa notizia: alcuni mesi fa fu una copia contraffatta di Whatsapp a fare scalpore, ma a quanto pare i tecnici di Google sono caduti in trappola ancora una volta. Lo stratagemma utilizzato dai programmatori di queste app per aggirare i controlli dell’azienda risulterebbe estremamente semplice, ma a quanto pare ugualmente efficace.

Si tratta di una versione semplificata della chat, che non richiede né l’iscrizione dei minori né un numero di cellulare. Funziona in wifi e tramite l’account dei genitori

di Alina D'Aniello

Arriva da Facebook la versionedi Messenger per i bambini under 13. L’iniziativa di “Messenger Kids”, per ora progetto pioneristico negli Usa, nasce come strumento di comunicazione familiare alternativa, tra genitori e figli.  La nuova applicazione non richiede che questi ultimi siano iscritti, né tantomeno un numero di telefono. Il tutto, come rassicura anche Loren Cheng, product manager di Facebook, avviene tramite l’account dei genitori, che potranno dunque monitorare ogni tipo di attività e verificare un eventuale contatto pericoloso.  

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca

Statistiche generali

Utenti
179
Articoli
7213
Visite agli articoli
9691931
« Dicembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31