fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

L’ex capitano del Benevento è il primo rinforzo richiesto dal nuovo tecnico dei molossi. L’ufficialità è arrivata poco dopo quella del nuovo cambio in panchina

di Nello Vicidomini

Comincia con un rinforzo d’esperienza la nuova era della Nocerina targata Cavallaro-Esposito, che ha preso il via proprio questa sera, quando nella sede del club di via Barbarulo la firma dei due allenatori ha sancito l’inizio del nuovo progetto, dopo l’esonero di Di Costanzo.

Insieme a loro, a mettere nero sul bianco in presenza del presidente Paolo Maiorino, c’era anche Emanuele D’Anna, che diventa a tutti gli effetti un nuovo calciatore della Nocerina, mentre domani dovrebbe essere il giorno di Antonio "Tony" Letizia, attaccante ex Foggia. Esperto centrocampista e terzino all’occorrenza, D’Anna è un classe 1982 che lo scorso anno ha vestito la maglia del Nola in Serie D, con 28 presenze e 2 reti messe a segno, prima di rimanere svincolato. Originario di Baiano, ha alle spalle una carriera di tutto rispetto cominciata nelle giovanili di Ascoli e Milan, prima di passare al Chieti dove in tre anni colleziona quasi 70 presenze tra C2 e C1. Nel 2003 arriva per lui la grande occasione in Serie B con il Piacenza; resta in Emilia per due stagioni, scendendo in campo 45 volte e segnando 4 reti. Poi due stagioni non entusiasmanti all’Arezzo (B) e alla Juve Stabia (C1), prima del trasferimento decisivo al Pisa, dove ottiene la promozione in Serie B. Con 4 gol in 35 partite si fa notare dal Chievo che lo porta in Serie A. Nel massimo campionato, però, D’Anna fatica a trovare spazio e a metà stagione passa di nuovo al Pisa e a fine anno al Benevento. Con i sanniti, per quattro anni in C1, diventa un pilastro dell’undici titolare fino a guadagnare la fascia di capitano. La sua miglior stagione con i giallorossi (24 presenze e 6 realizzazioni) è proprio quella in cui la Nocerina di Auteri, da avversaria, ottiene la storica promozione in B. Successivamente si trasferisce al Sorrento, poi al Gubbio, passando per la Maceratese e il Cosenza sempre in C, fino a quando nel 2017 firma per la Casertana. Dopo un anno da titolare, in cui mette a segno una sola rete, passa al Nola scendendo di categoria.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca