fbpx

Il 22enne di Fulham ha conquistato il titolo supermedi martedì agli Studios BT Sport, battendo in finale Mike McGoldrick. Sua madre è originaria di Nocera Inferiore

di Nello Vicidomini

Sta facendo parlare molto di sé nel Regno Unito e nel mondo del pugilato l'italo-britannico Zak Chelli, 22enne londinese che martedì ha meritatamente portato a casa il titolo dei pesi supermedi al torneo Boxxer di Londra.

Il giovane pugile di Fulham è figlio d'arte, essendo suo padre Zakaria Chelli, tunisino di padre toscano, allenatore di pugilato ed ex professionista, ma soprattutto per metà nocerino, poichè sua madre, Concetta Battipaglia, è di Nocera Inferiore e vive a Londra da 23 anni. Seguito da numerosi fan in tutto il mondo, Chelli sta gradualmente mettendo sempre più titoli in bacheca. Martedì, nel torneo Ultimate Boxxer, ha battuto in semifinale ai punti il bulgaro Vladimir Georgiev e in finale si è trovato davanti l’imbattuto Mike McGoldrick che veniva da sette vittorie consecutive. Chelli ha dominato l'avversario, imponendo a McGoldrick tre conteggi per risultare vincitore per ko tecnico al secondo round. "Sei il pugile più duro con cui abbia mai combattuto", ha dichiarato nel post match riferendosi all'avversario e ringraziando Dio per la vittoria. Carattere e tanta personalità, dotato di talento, Zak ha già attirato l'attenzione negli anni per essere stato spesso imbattuto per lunghe serie di match, oltre ad aver sfidato a viso aperto i detentori dei titoli britannici. Ora, per lui, l'ennesimo traguardo raggiunto e un inizio di carriera promettente. Anche suo fratello maggiore Yahia John, nato in Italia, è stato campione inglese dilettante.