fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

I rossoneri sono stanchi ma non appagati; col Sant’Agnello faranno la differenza carattere e motivazioni

di Domenico Pessolano

Orgoglio, tenacia, concretezza. Questi i quattro ingredienti fondamentali del Città di Nocera, la cui marcia verso il ritorno in Serie D pare ormai diventata inarrestabile. Una marcia iniziata dodici partite fa, quando i rossoneri di mister Vincenzo Maiuri, allenatore subentrato a Pasquale Esposito, batterono l’U.S Scafatese.

La manifestazione di ieri, organizzata dal Centro Sportivo Italiano, ha visto protagonisti atleti di ogni età. Una festa di sport e un pomeriggio in allegria per grandi e piccini

di Marco Stile

Tanta corsa, su un tracciato interamente in erba, sorrisi, risate e i più alti valori dello sport. Si è tenuta ieri, presso il parco archeologico urbano di Nocera Superiore, una tappa delle fasi regionali di corsa campestre, manifestazione organizzata dal Centro Sportivo Italiano. Hanno preso parte alla corsa atleti di ogni età, che hanno svolto diverse frazioni di un percorso che comprendeva alcuni chilometri, ovviamente proporzionati all’età e, dunque, al potenziale grado di allenamento degli atleti, divisi per categoria.

L’allenatore del Sant'Antonio Abate sa di aver creato difficoltà agli ospiti: «Abbiamo giocato sessanta minuti ad altissimo ritmo». Maiuri riscontra un calo di intensità: «Per la prima volta ho visto la mia squadra in affanno, ma abbiamo meritato i tre punti»

di Domenico Pessolano

Non conosce sosta la marcia verso il ritorno il Serie D del Città di Nocera, che batte per 0-3 il Sant’Antonio Abate allo Stadio “Vigilante Varone”. Nonostante il risultato netto, i rossoneri hanno sofferto e non poco la tenacia e la grinta dei padroni di casa, venuti meno solo negli ultimi venti minuti. Precisamente, quando Cacace, Carotenuto e Majella hanno dato al Città di Nocera la certezza di mantenere i tre punti di vantaggio sulla diretta avversaria Sant’Agnello, da affrontare nella prossima partita.

Il fiduciario Coni di zona, Ciro Stanzione, parla sulla gara di corsa campestre tenutasi ieri a Nocera Superiore: «Eventi come questo, unito al turismo, servono a dare un'immagine diversa del nostro territorio»

di Luigi Petrosino

Al termine della seconda prova del campionato regionale di corsa campestre tenutasi ieri nel parco di Villa De Ruggiero a Nocera Superiore, Ciro Stanzione (nella foto), delegato CSI per la zona di Nocera-Pagani-Sarno e fiduciario CONI per Nocera Inferiore, ha parlato con noi della manifestazione: «Noi, come Centro Sportivo Italiano Nocera-Pagani-Sarno, stiamo cercando di portare qui eventi a livello regionale anche per gratificare il territorio perché ricco di arte, quindi abbinando lo sport al turismo è possibile fornire anche un'immagine diversa del nostro territorio.

Le reti di Cacace, Carotenuto e Majella regalano tre punti preziosissimi alla squadra di Maiuri, contro un avversario agguerrito e ben messo in campo. Sant’Agnello momentaneamente a meno sei

di Valerio D'Amico

Dodicesima vittoria consecutiva per il Città di Nocera che batte tre a zero un ottimo Sant’Antonio Abate, al termine di una gara insidiosa, soprattutto nei primi quarantacinque minuti. Marcatori di giornata Cacace, Carotenuto e Majella.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca