Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Nonostante le timide aperture anche da parte della Chiesa cattolica, per molte persone esternare i propri orientamenti resta ancora un trauma in apparenza irrisolvibile

Ciao Valentina,
sono omosessuale ma tutti fanno finta di non saperlo. Ho 26 anni e faccio il fotografo. Sono totalmente autonomo e per lavoro viaggio molto. Quando ritorno a casa mi ritrovo catapultato in una realtà bigotta e intollerante.

Si chiama “incapacità appresa”, ed è un problema che a volte ci trasmettono, inconsapevolmente, i nostri genitori, spesso eccessivamente premurosi

Cara dottoressa Valentina Di Mauro,
ho 34 anni. Lavoro da quando ne avevo 25, appena dopo la laurea. Ho una relazione stabile da ormai 11 anni. Quasi tutte le persone che ci conoscono, già da qualche anno ci chiedono quando faremo un figlio. A me questa situazione angoscia molto, anche perché penso sempre di non essere in grado di fare la mamma.

Primato campano per la struttura ospedaliera, che consentirà notevoli vantaggi in termini di precocità nella diagnostica dei tumori e una concreta riduzione del dolore per i pazienti

Grazie alla sempre crescente collaborazione tra le componenti ospedaliera ed universitaria dell’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, è stata avviata, per la prima volta in Campania, una innovativa metodica per la diagnosi corretta e precoce del tumore della prostata.

L’applicazione Cardiogram, grazie a specifici algoritmi e all’impiego dell’AI, è in grado di analizzare la variabilità della frequenza cardiaca battito-battito, indicatore dei primi sintomi della malattia

di Alina D’Aniello

Lo studio proveniente da oltreoceano, e nello specifico da San Francisco, segna ciò che potrebbe diventare la nuova frontiera delle diagnosi, fondamentale soprattutto per patologie croniche così diffuse. Infatti, Il co-fondatore di Cardiogram, Brandon Ballinger ha dichiarato: "È stata la cosa più difficile a cui abbia mai lavorato, ma anche la più gratificante."

I nuovi apparati sono biologici, garantiscono una vita quasi del tutto normale e hanno una durata che riduce in modo concreto il rischio di dover reintervenire 

Per la prima volta in Campania e la seconda nell’Italia meridionale, un paziente di 67 anni riceve presso la Cardiochirurgia d’Urgenza dell’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, diretta dal dottor Severino Iesu, l’impianto di una nuova protesi valvolare aortica biologica che offrirà, soprattutto ai pazienti più giovani, maggiori garanzie di durata nel tempo e minore rischio di reintervento.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca

Statistiche generali

Utenti
174
Articoli
6568
Visite agli articoli
8397100
« Giugno 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30