fbpx

Il primo cittadino, Manlio Torquato, scrive al prefetto ed ai colleghi del comprensorio per poter tenere in situazioni di allerta un comportamento unico tra gli Enti

Uniformità di comportamento tra i Comuni in occasione le allerta meteo della Protezione civile. È quanto chiede oggi il sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, con una lettera trasmessa al Prefetto, alla Protezione civile regionale e provinciale, a tutti i sindaci nella fascia compresa tra Scafati e Cava de' Tirreni, al presidente della Provincia.

Casus belli la disparità di comportamenti dei primi cittadini in occasione dell'allerta meteo di ieri sera: è noto che Pagani, Cava ed altri Comuni hanno infatti deciso di tenere le scuole aperte.
«Se è fuori di dubbio - scrive Torquato - che provvedimenti cautelativi in materia di Protezione Civile debbano seguire le valutazioni di ciascun presidio comunale, in base alle peculiarità dei luoghi e delle specifiche sensibilità rilevate rispetto al proprio territorio, è purtuttavia vero che in relazione alle esigenze di una popolazione scolastica che insiste su un territorio conurbato e di fatto coincidente con un’unica area metropolitana, in un raggio massimo di circa 13 Km. (da Cava a Scafati), si verifica, in occasione delle predette allerte meteo, una diversità di provvedimenti da Comune a Comune che appare tanto illogica quanto creativa di disagi per residenti e famiglie che devono trasferirsi ogni mattina da uno ad altro Comune, spesso con esigenze differenti per studenti appartenenti alla stessa famiglia che frequentano istituti diversi in differenti Comuni».
È per questa ragione che il sindaco di Nocera Inferiore ha chiesto al prefetto un incontro tra tutti i sindaci con lo scopo di dar vita a un «Coordinamento tra i Comuni dei nostri territori nel rispetto delle reali esigenze e specifiche peculiarità, pur debitamente valutate volta per volta dai Sindaci di ciascun Comune».