Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Come osano questi buzzurri nordeuropei, discendenti dei barbari Galli, Germani, Vandali, Longobardi, Sassoni etcetera, di trattare così la Grecia.

Premesso che, se a presidente della Regione ci sarà Caldoro o De Luca o Tizio o Caio non ha senso alcuno, primo perché “si nun è zuppa è pane ‘nfuso”, secondo perché non ci cambia la vita e terzo perché la Regione non serve a niente e costa un sacco di soldi ed è proprio quella che si dovrebbe abolire invece delle Province.
Tanto premesso, come dicono gli avvocati, io voto Gambino e De Luca, perché sono contro la magistratura. E intendiamoci in che senso.

Va be’, parliamo pure di politica ogni tanto. Ma non nell’accezione che a questo termine danno i giornali e le televisioni, quando dicono “la politica” come titolo e poi parlano di Renzi, di Salvini, di Berlusconi, di D’Alema, di Fassina, ecc. ecc. Oppure dicono la politica deve fare questo e quello, che è un modo improprio e volgarizzato di usare il vocabolo. Parliamo invece di qualcosa di cui hanno parlato Platone, Aristotele, Cicerone, Dante, Machiavelli, Hobbes, Marx, Weber, Durkheim, Adorno, Lasswell, per menzionarne solo alcuni. Parliamo cioè di cultura politica, per quel che ci consentono le nostre possibilità, tanto per averne un’idea.

Che consiste,  per intendersi,  nell’insieme delle idee, delle opinioni, delle credenze, dei sentimenti e degli atteggiamenti presenti nei componenti di un aggregato sociale organizzato rispetto alla politica e nei comportamenti degli attori politici, di coloro cioè che detengono il potere formale e istituzionale e prendono decisioni impegnative per tutti.

I cui contenuti sono in parte estremamente volatili e variabili e reciprocamente interdipendenti, influenzati principalmente dalle condizioni economiche, cioè dal livello di ricchezza e di benessere e dal grado di distribuzione di essi ed in parte zoccolo duro, costituito dai valori e dai costumi delle aggregazioni tradizionali, vale a dire famiglia, religione, scuola, patria, nazione, etnia, ecc. e dal livello di moralità delle elites dirigenti.

Per andare al presente, all’avvento della società di massa democraticamente organizzata e di capitalismo avanzato, cioè all’attuale modello di civiltà occidentale, è da tempo, sin dal primo e ancor più dal secondo dopoguerra che gli studiosi hanno avvertito e individuato i sintomi del declino se non addirittura della decadenza di essa. Essi consistono nella scomparsa delle elites entro un tipo di democrazia che non sia anche oligarchica, come invece furono la repubblica romana e la repubblica veneta, l’idea di ininterrotto e necessario aumento della produzione e della produttività, la perdita di ordine e sicurezza, la burocratizzazione estesa anche al mondo economico come nel managerialismo delle multinazionali, il liberalismo economico, l’eccessiva imposizione fiscale, l’immigrazione, il declino della borghesia indebolita dal pacifismo e dal rifiuto dell’uso della forza, la mancanza di rispetto per la legge e per l’autorità, l’instabilità dei governi, l’eclissi dello Stato, l’insorgenza di fondamentalismi minacciosi esterni al sistema.

Ebbene, mi pare che i sopradetti parametri del declino, individuati dagli studiosi di cultura politica sin dalla seconda metà del XX secolo e preconizzati in crescita a partire dal 2000, siano tutti presenti e destinati a portarci inesorabilmente alla decadenza del nostro modello di civiltà, in mancanza di interventi profondi e radicali che invertano la tendenza, facendo tesoro delle lezioni della storia.

Altro che riforme e riformette prive di un disegno organico complessivo e unitario.

Aldo Di Vito
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Cerca

Statistiche generali

Utenti
176
Articoli
6654
Visite agli articoli
8650792
« Luglio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31