Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Fra le tante cose storte in cui s’incappa, volenti o nolenti, lungo il cammino quotidiano in questa moderna modernissima valle di lacrime ce n’è una che proprio non la deglutisco ed è l’uso improprio sciatto superficiale illogico corrotto e corruttivo delle parole, specie da parte di chi su quell’uso ha fondato il proprio lavoro e la propria missione professionale, ad esempio gli avvocati, i giornalisti, gli insegnanti, i conduttori televisivi etcetera. I quali scrivono o proferiscono determinati vocaboli senza por mente al loro significato reale o per ignoranza o per moda o per esibizionismo, per sentirsi a la page, inseriti in un convenzionale quanto idiota circuito mediatico di tweet e di chat, trascurando o magari a volte maliziosamente procurando l’impatto fuorviante su chi legge o ascolta.

Per far meglio intendere dove voglio andare a parare farò qualche esempio che fu di esilarante attualità quando facevo il sindaco e su cose così, devo dire, mi sono abbondantemente divertito e non me ne pento. Un giorno una giovane giornalista, in una delle quotidiane interviste che mi facevano non avendo di meglio da fare, mi disse, sindaco la piazza del Municipio è “infestata” dai cani. Al che le dissi, guardi che si sbaglia, è “abitata” dai cani ed è “infestata” dagli uomini. E quando i consiglieri della mia maggioranza, lamentandosi del mio disinteresse per il partito e che mi dedicavo esclusivamente all’amministrazione del Comune e della città, mi dicevano che loro dovevano fare “la politica”, replicavo, perché io che faccio il verdummaro? E quando mi chiedevano che dovevo fare “un tavolo” rispondevo che avevano sbagliato indirizzo, si dovevano rivolgere a un falegname, allora chiedevano “il rimpasto” della Giunta e ancora una volta sbagliavano palazzo, perché li mandavo a cercarsi un pizzaiolo. E così capitava anche con tutte le cretinerie che venivano a dire in consiglio comunale e scrivevano sui giornali. Non me ne tenevo una, me lo disse anche Lino Picca, l’avversario più colto serio e leale che ho avuto il piacere di frequentare, mi disse, ma tu non rispondere sempre, qualche volta tieniti la posta.

E fu così che fra tavoli, falegnami, rimpasti eccetera me ne mandarono a casa. Ma che ci posso fare, non è colpa mia, è più forte di me, non sopporto la stupidità lessicale perché essa è il segno della stupidità mentale.

Veniamo a noi. Perché ho fatto questo lungo paraustiello? Perché ho letto sui giornali e ho udito in televisione che la povera ragazza di Sarno è stata violentata da un “branco”. Oibò, perché branco?

Sono andato a rileggere il vocabolario e ho appreso che il “branco” è un gruppo numeroso di animali della stessa specie, di lupi, di maiali, di leoni, di elefanti, che stanno insieme per difendersi o aiutarsi reciprocamente nella ricerca di cibo e di sicurezza. Ma accostare analogicamente al branco quel gruppo di maschi umani che ha perpetrato quell’odioso stupro collettivo è improprio, ingiusto e, tutto sommato, riduttivo della gravità del fatto, come se simili cose fossero prerogativa degli animali e non degli uomini, quando invece i branchi veri simili cose non le fanno. L’accoppiamento collettivo non esiste nel branco, ciascuno ha il suo partner col quale si accoppia separatamente e discretamente, senza dar fastidio agli altri e solo se è accettato dal partner dopo aver esibito la propria forza o la propria bellezza. Come Darwin ha dimostrato mediante la teoria della selezione sessuale, addirittura alcuni caratteri, come i baffi o le corna o i colori smaglianti o il bel canto sono stati sviluppati dalle specie proprio al fine di conseguire il gradimento e il consenso della femmina all’accoppiamento, senza il quale niente da fare.

Carlo Levi lo ha insegnato, “le parole sono pietre”, pietre perché pesano, colpiscono, feriscono, difficili da rimuovere e a volte rotolano rotolano a valanga facendo danni a persone e cose, quindi per favore, a proposito di stupro collettivo non si parli di branco, perché quello purtroppo era un gruppo di esseri umani, membri di una comunità che si presume civile ed avanzata, in tempo di pace, e non di una soldataglia medievale durante il saccheggio.

Aldo Di Vito
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se potessi parlare con Renzi a quattrocchi papale papale, gli direi: sienteme a me Matte’, nun da’ retta, lieve mane, nun è cosa, nun perdere tiempo, magari lui che adopera la favella toscana ch’è sì bella non capirà di primo acchitto ma penso di sì, visto che il napoletano è lingua universale.

Secondo me, dovrebbero essere le convinzioni politiche, cioè le idee che uno si forma sul modo di affrontare e risolvere i singoli problemi che di vota in volta assillano una compagine sociale,

Un giorno Orazio scrisse “Ibam forte via Sacra..” che è l’incipit di una delle maggiori opere letterarie di tutti i tempi, la satira del seccatore, quel tale che una mattina, mentre Orazio se ne andava a passeggio lungo la via Sacra, gli si appiccicò appresso, prima adulandolo e chiacchierando di versi e di poesia, per giungere e magnificare le proprie virtù letterarie. 

Cerca

Statistiche generali

Utenti
172
Articoli
5978
Visite agli articoli
7226425
« Gennaio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31