fbpx
Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Mancano ormai pochi mesi a due importanti tornate elettorali che interesseranno Nocera Superiore e Pagani, entrambe confinanti con la nostra città. Sarà quindi quasi del tutto impossibile che anche i Nocerini (quelli inferiori, come Nicola, ovvero Stefano Satta Flores, ci chiamava in "C'eravamo tanto amati" di Ettore Scola, suscitando all'epoca una marea di campanilistiche rimostranze) possano salvarsi da una nuova e massiccia "chiamata alle armi"  alla ricerca dell'ultimo parente od amico che voti in una di queste città.

Anche perché con le modifiche imposte dalla recente legge, il numero di consiglieri in entrambi i comuni diminuirà e per essere eletti saranno necessari più voti.

Ma non è solo questo, il problema. La questione è cosa troveranno i neo eletti in entrambi gli enti: a Pagani, pare ormai acclarato, ci si imbatterà in una situazione dove non si è a un passo dal baratro, ma ben oltre. E' difficile immaginare nella città di Sant'Alfonso un colpo di reni che, come avvenuto a Nocera grazie al sindaco Manlio Torquato, possa con fatica ma pure con costanza iniziare a far risollevare un bilancio comunale.

Diversa la situazione a Nocera Superiore, dove stando ai numeri del conto finanziario sembrerebbe esserci ancora un avanzo economico piuttosto sostanzioso, che potrebbe permettere una ottima capacità di azione sul territorio malgrado i limiti di stabilità, a volte assurdi per i comuni cosiddetti "virtuosi".

Ma è proprio questa la domanda che localmente si pongono in tanti: come è possibile che a Nocera Inferiore, con le tante carenze di fondi, il sindaco Torquato trovi ad esempio i soldi per ridare dignità e percorribilità praticamente a tutte le strade cittadine, mentre a Nocera Superiore con tutti i soldi a disposizione e con tante opere già approvate e finanziate le strade siano vistosamente impraticabili, e le opere pubbliche pronte a partire restino inspiegabilmente al palo?

A meno che nella cittadina cuore dell'antica Nuceria non stiano preparando la parata finale che caratterizza tutti i buoni spettacoli pirotecnici, davvero sembra non esserci una risposta accettabile.

Lo scrivevo due anni fa, giorno più giorno meno, in un blog: "Ora necessita una nuova Costituente".

Oggi siamo ancora allo stesso punto, se non peggio, visto che l'ultima tornata elettorale ha prodotto un tale stato di ingovernabilità che ci si è trovati di fronte alla scelta di tornare alle urne, ma con il Presidente della Repubblica in scadenza non era possibile, o rifare la grande ammucchiata dei ricatti e delle prebende sotto banco.

Statistiche generali

Utenti
179
Articoli
7213
Visite agli articoli
9691743
« Dicembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31