Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

«Rossi come la vergogna del derby farsa, neri come i fondi usati dal patron per evadere il fisco». Così sono descritti i tifosi della Nocerina attraverso una "reinterpretazione" dei colori sociali della squadra in uno degli articoli di "Repubblica" del 10 gennaio 2014.
Il peggiore, però, quello che infanga non la reputazione di pochi tifosi, facinorosi e violenti se volete, ma l'intera città, i tifosi sani, i cittadini che di calcio non ne sanno e non vogliono saperne nulla, quelli che la mattina si alzano per lavorare e la domenica stanno a casa in famiglia è un altro: quello di Attilio Bolzoni, ottimo giornalista di rispettabilissima carriera, venuto evidentemente a Nocera con l'unico intento di realizzare un pezzo che mettesse in cattiva luce la città. Quella dei "duecento picchiatori violentissimi" sempre al seguito della Nocerina, per intenderci. Quella che presumibilmente di qui a pochi giorni vedrà radiata la squadra, "perché ci vuole tolleranza zero", ha detto il presidente Letta.
Caro Attilio, siamo ricaduti, e tu hai contribuito, volontariamente o meno, nelle grandi polemiche che vivemmo in questa città quando nelle sale cittadine arrivò "C'eravamo tanto amati" di Scola. Tu stesso lo ricordi: nel film c'è un giovane Stefano Satta Flores che interpreta un tal professor Palumbo. Ebbene, questi, nell'aula magna del glorioso "Giovan Battista Vico", fucina di mille menti geniali che hanno arricchito Nocera ma, prima di essa, l'Italia e il mondo, disse rivolgendosi, come scrivi, "ai notabili di questa capitale campana che già batteva moneta quando l'odiato capoluogo di provincia Salerno era ancora un borgo marinaro sconosciuto alle mappe", che Nocera era "Inferiore per colpa vostra", dei notabili ignoranti e reazionari che gli si paravano di fronte.
Ma allora, caro Attilio, il contesto era diverso. Oggi si gioca davvero con la dignità e l'immagine della città, che hai messo sotto i piedi. Anche quando scrivi che abbiamo un sindaco di destra con una vice di sinistra.
Mi scrivi «Mi dispiace, Gigi, era un articolo sul tifo con la città sullo sfondo».
E io ti rispondo non con parole mie, ma con quelle della città: con quelle del sindaco Manlio Torquato, che mi scrive «Non me lo dire, è una vergogna».

Continuo con quelle di alcuni colleghi, come Carlo Meoli de "La Città": «Questo pezzo fa proprio schifo»; quelle di Salvatore D'Angelo della stessa testata: «Chiaro esempio di parzialità, di come si può essere crudeli e sparasentenze preconcetti... a Nocera qualche problema c'è, ma non è certo dipingendo in questo modo due città in una che si risolvono... questo articolo deve servire a me, giovane giornalista, come esempio per non cadere in facili generalizzazioni... speriamo ci riesca»; quelle di un cittadino, Giancarlo Di Serio: «A parte i giudizi personali dell'autore, contiene delle falsità oggettive. Ad esempio la frase di Prandelli che ha lasciato amareggiati non è quella ovvietà riportata tra virgolette ma un'altra ben più pesante»; quelle di un'altra cittadina, Adele Tirelli: «Che vergogna, certi giornalisti....ops mi fermo!».
Potrei continuare a lungo, ma penso che basti così. Carissimo Attilio: Napoli non è solo pizza, mandolino e tarantella; la Sicilia da cui provieni non è solo mafia ma anche culla di civiltà e grandi tradizioni; Nocera, infine, non è solo calcio e violenza, e da ex città industriale che era fino alla fine degli anni '70 si è saputa parzialmente riciclare nel terziario e nei servizi ed essere ancora, in alcuni casi, un punto di riferimento in Italia. Molto c'è ancora da fare, ma se ci prendete a calci negli stinchi non ce la faremo mai a rialzarci.

Ventitre miliardi e duecento milioni di euro. E' questa la cifra iperbolica che corrisponde al costo annuale della politica in Italia. Per evitare confusioni, traduciamola in quella nostra vecchia e gloriosa valuta che era la lira: poco meno di 45mila miliardi di lire.

«Buongiorno, sono Papa Francesco. Diamoci del tu». E' questa una delle frasi che si legge più frequentente sui giornali ogni volta che il vescovo di Roma chiama una delle centinaia di persone che si rivolgono a lui con la speranza di avere una parola di conforto o la risoluzione di un problema.
«Diamoci del tu»: lo sta dicendo il capo della Chiesa cattolica, unica monarchia "assoluta" e cioè a responsabilità unica di governo del suo "re", che sia rimasta al mondo.
E' un'altra delle meravigliose innovazioni che questo Pontefice sta introducendo in una Chiesa sull'orlo del collasso, pronta a crollare su se stessa come gli edifici fanno sotto le mani di esperti artificieri. E forse proprio a queste innovazioni, che vanno dalla radicale modifica dell'organizzazione dello Ior all'introduzione del collegio di otto cardinali che lo assisteranno nel governo della Chiesa, il Vaticano potrà salvarsi restituendo ai suoi fedeli la fiducia quasi del tutto persa. Solo per cronaca aggiungo che della popolazione Italiana, che dovrebbe superare la percentuale del 75 per cento di cattolici, i "veri" praticanti sono ormai ridotti a circa il 15 per cento. Meno di dieci milioni, a conti fatti.
L'esempio di Papa Francesco, però, che predica umiltà prima ai suoi sacerdoti e poi al mondo non sembra al momento essere seguito: tutti, dalle gerarchie ecclesiastiche all'ultimo dei dirigenti d'azienda, specialmente nel nostro Sud, continuano a mantenere inalterata la pessima abitudine di pretendere del "lei" (o del "voi", dipende dalle zone) e di dare del tu.
Ora mi domando: o essere dal valore economico di pochi centesimi (in napoletano "ommo 'e ddoie lire", credi davvero di essere così grande rispetto a chi ti sta di fronte da poterti permettere di umiliarlo in tal modo? E in cosa saresti grande? Nell'essere un medico specialista a fronte del tuo paziente? Nell'avere una tonaca, magari solo quella di frate? Nell'essere parlamentare nazionale o regionale di fronte al tuo elettore?
Non voglio citarvi la celeberrima "a' livella" a proposito di quel che saremo poi, ma solo invitare i lettori a ricordare bene quel che faceva Eduardo De Filippo nel film "L'oro di Napoli": al passaggio del nobilastro di turno, alla fine di una lunga elencazione dei titoli da questi posseduti, insegnava a "recitare" la forma più potente di derisione della superbia e della tracotanza. Una sonora pernacchia. Ecco, la prossima volta che qualcuno vi desse del tu e non vi invitasse a fare altrettanto ricordatevene, elencategli i titoli e poi via, a tutto fiato!

 

Due domeniche senza calcio per i Nocerini. Viene da dire dal profondo: e allora?

Si, certamente, l'immagine della città è uscita davvero compromessa dalle ultime vicende delle presunte intimidazioni alla squadra in occasione di Salernitana -Nocerina e dagli arresti derivati dai fatti della gara casalinga con il Perugia.

Statistiche generali

Utenti
178
Articoli
6973
Visite agli articoli
9448884
« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31