Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Da gennaio si darà il via alla sperimentazione di un fondo a tutela del coniuge in stato di bisogno a causa del mancato versamento dell’assegno di separazione

di Danila Sarno      

Il 30 dicembre è stata  pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di stabilità 2016, entrata in vigore il 1 gennaio. Tra le tante novità introdotte dalle “disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato”, rientra anche l’istituzione in via sperimentale di un “Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno” .
Ai sensi dell’articolo 1 comma 414, la dotazione sarà di 250mila euro per l’anno 2016 e di 500mila euro per l’anno 2017. A beneficiare delle risorse del fondo statale sarà il coniuge in stato di bisogno che non è in grado di provvedere al mantenimento proprio e dei figli minori, oltre che dei figli maggiorenni portatori di handicap grave, conviventi. 

La Corte di Cassazione ha stabilito che può essere perseguito penalmente ed arrestato chi posteggia l’auto in modo tale da ostacolare il transito di altri veicoli


di Danila Sarno

L’amore che l’uomo nutre nei confronti dell’automobile è quanto di più irrinunciabile possa esistere. Consentendo di raggiungere in breve tempo luoghi molto lontani e di trasportare con facilità carichi piuttosto ingombranti, essa facilita lo svolgimento di molte attività quotidiane.

Cresce il numero di distributori indipendenti, e con essi il numero di irregolarità nell'erogazione del carburante. Tra i trucchi più diffusi il taroccare le quantità e l'aggiunta di acqua. Ora più tutele per l'automobilista

E' crescente il numero di irregolarità alle pompe di benzina o di gasolio. Ora non ci sono solo i contatori "taroccati" a preoccupare gli automobilisti. Si sta diffondendo anche la pratica di "allungare" la benzina (o il gasolio) con l'acqua. Cosa che può comportare seri danni e perfino compromettere in maniera rilevante il funzionamento dei motori.

Spesso la serenità del matrimonio è messa a dura prova dall’invadenza della madre del proprio consorte. La Suprema Corte corre ai ripari e consente di cacciarla di casa

di Danila Sarno

Care suocere di tutta Italia avete le ore contate: la legge non è più dalla vostra parte!
È risaputo che chiunque, fidanzato o sposato, prima o poi dovrà affrontare un temuto nemico: la suocera. Lo scontro con la madre del proprio partner è quasi sempre inevitabile e non è una coincidenza che, in base alle statistiche, una considerevole percentuale di divorzi sia provocata proprio dall’intrusione dei suoceri nella relazione matrimoniale dei figli.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, sezione lavoro, dando torto a un Comune campano che si rifiutava di pagare indennizzi ad un custode in servizio anche nei giorni festivi senza mai un riposo compensativo

Nuova sentenza della Corte di Cassazione a favore dei dipendenti che lavorano nei giorni festivi. «Il dipendente del comune che lavora nei giorni festivi, senza godere dei riposi compensativi, deve essere remunerato con una maggiorazione del 20% sul lavoro domenicale svolto e per i giorni di riposo compensativo non fruiti.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca

Statistiche generali

Utenti
172
Articoli
6369
Visite agli articoli
7933016
« Aprile 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30