Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Il cattivo odore è un valido motivo per rifiutare di entrare in intimità con il proprio partner, e se questi insiste rischia il carcere per violenza sessuale

di Danila Sarno

Come disse Guy de Maupassant: “Giudico il matrimonio uno scambio di cattivi umori di giorno e di cattivi odori di notte”. Certo, unione coniugale vuol dire anche condivisione, ma è pur vero che il troppo stroppia.

Secondo una Commissione tributaria, il sistema scova evasori sarebbe inutilizzabile in quanto discriminatorio e lesivo della privacy, nonché previsto da decreti emanati in difetto di potere

di Danila Sarno

Il sistema utilizzato dall’Agenzia delle entrate per individuare i frodatori fiscali, il cosiddetto redditometro, deve essere abolito. È quanto ha affermato la Commissione tributaria provinciale di Catania, accogliendo il ricorso proposto da un contribuente contro alcuni avvisi di accertamento.

Il lavoratore che rivolge al superiore parole insolenti non può essere licenziato. Egli non pone in essere alcuna ribellione nei confronti del datore, purché l’episodio non si ripeta

di Danila Sarno

A volte un capo può rendere difficile la vita dei propri dipendenti. Straordinari non retribuiti, sfuriate immotivate e ferie non concesse potrebbero mettere a dura prova perfino la pazienza del lavoratore più stacanovista. Anche se il rapporto lavorativo si basa su una scala gerarchica, è essenziale esigere rispetto.

Il nuovo testo che regola la circolazione, in sostituzione delle vecchie previsioni, ammette l’uso di tutti i tipi di scarpe al volante, purché il guidatore usi la massima attenzione

di Rosa Soldani

Guidare con i sandali, con i tacchi o addirittura scalzi è sinonimo, per il guidatore ligio alla norma, di infrazione al codice della strada. D’altra parte indossare calzature non bene assicurate al piede o che creino disagio nella percezione dei pedali di guida può essere pericoloso per l’incolumità del conducente e degli utenti della strada.

La Cassazione dice basta ai dispetti tra condòmini: se una condotta è tale da provocare grave ansia e mutamento delle abitudini della vittima, scatta la denuncia per atti persecutori

di Danila Sarno

Alzi la mano chi non ha mai avuto a che fare con problemi di vicinato. Dai rumori molesti alle scampanellate, dalle automobili parcheggiate in spazi non autorizzati al passare l’aspirapolvere ad orari improbabili, la lista potrebbe essere infinita.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca

Statistiche generali

Utenti
172
Articoli
5993
Visite agli articoli
7248915
« Gennaio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31