Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

L'8 dicembre di quest’anno ricorrerà il ventennale della morte del giovane artista il cui ricordo è eterno in coloro che lo hanno incontrato

di Chiara Ferrigno

Avrebbe compiuto 44 anni lo scorso 28 marzo Nunzio Crispo, il giovane artista di Nocera Inferiore che scomparve prematuramente l’8 dicembre del 1998 all’età di 24 anni. A quasi venti anni dalla sua dipartita, è doveroso ricordare questo ragazzo pieno di vita, determinato a farsi strada in un mondo difficilissimo come quello dell’arte, con tutte le carte in regola per potersi affermare in questo campo. 

Frequentò il Liceo artistico di Salerno, proseguendo gli studi presso l’Accademia delle belle arti di Napoli. Scomparve prima ancora di terminare i suoi studi, ma le opere che ci ha lasciato, prodotte in un arco di tempo limitato e in una condizione di maturità non ancora ben sviluppata, rivelano la sua sensibilità espressiva e una profondità di contenuti che incantano.
Crispo3Nel 1994 nasce il suo studio in via Origlia a Nocera Inferiore ma frequenta spesso lo studio del suo mentore e amico Alfredo Maiorino, conosciuto nel 1993, anno in cui Nunzio non frequenta ancora l’accademia, ma intraprende una ricerca della sua idea di arte, progetta le sue opere cercando di dare un volto a ciò che pensa.
Crispo inizia a provare diversi stili, materiali e colori alla ricerca di quello che poi sarà il suo stile personale. In una delle tante chiacchierate con Alfredo, anch’esso artista nocerino, decide di dipingere ciò che a lui davvero piace: la donna. Dipingendo su carta da imballaggio, con segno deciso e unico, raffigura queste donne utilizzando inchiostro per timbro, materiale adoperato per la sua trasparenza e la capacità di tenere il tono. Il suo concetto di donna, che non vuol essere erotico ma esistenziale, espresso nell'intimo di questa figura, rappresenta la personalità di questo giovane artista poco più che ventenne, ma anche l'amore per la propria famiglia e il desiderio di un figlio con la donna che ama.
Impegnato anche in politica, convinto che l’arte non dovesse essere solo merce da vendere, ma un punto di svolta sociale, si adopera per far rinascere le tradizioni artistiche nocerine, cercando di fare della sua Nocera un museo di arte contemporanea. Il suo carattere socievole e il suo talento lo mettono in contatto anche con l’ambiente artistico salernitano e napoletano; una sua opera è infatti presente presso il consolato venezuelano a Napoli. Lascia in eredità non solo il suo spirito nelle opere realizzate, ma soprattutto un bellissimo ricordo in tutti quelli che hanno avuto la possibilità di incontrarlo.

IMAGE L'ACQUA

Il nostro amico Giulio Caso ci propone i suoi versi sull'elemento in assoluto più importante della Terra: quello che ci disseta, e che costituisce il 60% del nostro corpo Quando avvenne il big bangsi spartirono le gang Read More...

Cerca

Statistiche generali

Utenti
178
Articoli
6973
Visite agli articoli
9448868
« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31