fbpx

Venerdì 30 e sabato 31 gennaio altri due appuntamenti con la rassegna "Di Segnato Tempo" del Teatro Grimaldello e Noceracconta: il primo con lo scrittore autore di "Salò o le 120 giornate di Sodoma", il secondo con lo spettacolo minimalista di Luca Trezza

Venerdì 30 e sabato 31 gennaio, presso il Teatro Diana di Nocera Inferiore, vanno in scena, per la rassegna “Di Segnato Tempo”, organizzata dalla compagnia Teatro Grimaldello e dall’associazione culturale Noceracconta, l’omaggio a Pier Paolo PasoliniVietatoPornoAmen” e l’opera di Luca Trezzawwww.testamento.eacapo”.
Venerdì, dunque, va in scena uno spettacolo dedicato al più controverso artista italiano: Pier Paolo Pasolini. Dopo una introduzione di Alfonso Amendola (docente di Sociologia degli audiovisivi sperimentali presso l’Università degli Studi di Salerno) ed Elio Goka (scrittore), partirà la performance “VietatoPornoAmen”, con la regia di Antonio Grimaldi, che muove i passi dall’ultimo film di Pasolini: Salò o le 120 giornate di Sodoma. L’opera del Grimaldi disegna un affresco brutale, in cui vittime e carnefici sono emblemi di un’umanità smarrita, sullo sfondo scenico virtuale del giudizio universale di Michelangelo.

Sabato 31, sempre alle 20:30, è la volta della compagnia Formiche di vetro Teatro, con lo spettacolo “wwww.testamento.eacapo”, scritto, diretto ed interpretato da Luca Trezza. Tra Stefano Benni, Antonio Rezza e Samuel Beckett, il testo e l’azione drammaturgica sono scritte di pugno proprio: Trezza costruisce un “testamento” vivace per movimenti e lingua, nei neologismi lo spettacolo trova quella ventata di energia che manca al teatro italiano. Lavoro minimalista – pochi, pochissimi gli oggetti sul palco – che diventa scenografia nella parola. Un uomo ed un computer. Un uomo ha un appuntamento con una “X”, un appuntamento da chat, sopra un ponte. Attende la sua incognita, un amore virtuale che non sboccerà mai. Luca Trezza porta in scena il delirio sentimentale dell’uomo contemporaneo invischiato nei nuovi linguaggi tecnologici del Terzo Millennio.