fbpx
Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

"La naja che non volevo" è il titolo del primo romanzo del giornalista, che presenterà la sua fatica letteraria alle 18:30 nel locale di via Matteotti. A presentarlo il dottor Alfredo Salucci

Presso il Bookstore Mondadori di Nocera Inferiore, domani, 29 novembre, alle 18:30, presentazione al pubblico del romanzo d’esordio del giornalista e scrittore Renato Romano, “La naja che non volevo”.

Tutto esaurito per “Io l’erede” di De Filippo nelle prime sei recite. Il 24 e il 25 novembre, al teatro di via Cauciello a Pagani, le ultime due repliche del lavoro diretto da Alfonso Tortora

C’è ancora voglia di teatro. C’è ancora voglia di emozioni. Inizia col botto la stagione 2018/2019 de “La Locandina”. Il teatro di via Cauciello a Pagani, giunto al suo trentanovesimo anno di attività, ma già con un piede nel quarantennale, come amano ripetere i soci, sorprende ancora una volta gli spettatori con uno spettacolo poco conosciuto dal grande pubblico come è “Io l’erede” di Eduardo De Filippo, ma che riesce a far sorridere e a far riflettere oltre gli schemi classici delle commedie eduardiane. La risposta di pubblico è stata eccellente: le prime sei repliche hanno fatto segnare il tutto esaurito.

Con il patrocinio del Comune prende avvio da oggi un ciclo di manifestazioni, curate dalla direzione artistica del maestro Pietro Sellitto, che si protrarrà fino a giugno 2019

Prendono avvio i Venerdì dell’Arte, a partire da questa sera, presso lo Sporting Club Casino Sociale di Nocera Inferiore. L’evento, patrocinato dal Comune, prevede un concerto inaugurale alle ore 20:30, in presenza dell’assessore alla Cultura e Politiche giovanili Federica Fortino, del direttore artistico della manifestazione Pietro Sellitto e del presidente Sporting Club Andrea Oliva, con la presentazione di Giulia D’Alessandro.

Venerato fin dal primo Medioevo, in particolare in Francia, molto amato dal popolo verso il quale aveva grande attenzione. Anche Giosuè Carducci si ispirò a questo giorno in una delle sue più celebri poesie

di Maria Barbagallo

«San Martino, castagne e vino» recita un detto ed infatti alla figura del santo sono legati proverbi, usanze e tradizioni gastronomiche. Domani, 11 novembre, si festeggia la ricorrenza del Santo, che nacque nel 316 o 317 d.C. in Pannonia, una regione dell’Impero Romano che corrisponde all’odierna Ungheria.

Cerca

Statistiche generali

Utenti
179
Articoli
7348
Visite agli articoli
9859777
« Gennaio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31