fbpx
Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

La città ogni anno offre alla sua patrona festeggiamenti straordinari, paragonati alla Settimana Santa di Siviglia e al Corpus Domini di Cuzco in Perù, per la sua bellezza e per l’affluenza di persone che attira. L’UNESCO ha proclamato tale festa «bene immateriale patrimonio dell’umanità di tipo etnoantropologico»

di Maria Barbagallo

Difficile spiegare a chi non è catanese l’atmosfera che si respira dal 3 al 5 febbraio nella città etnea. Ci piacerebbe raccontarla a chi non la conosce così come la vive un catanese d'hoc. Si può iniziare con il dire che un fercolo d’argento rinascimentale, chiamato «'a vara», con il mezzobusto di Sant’Agata ed uno scrigno contenenti le reliquie, viene seguito in processione da migliaia di devoti vestiti con il tradizionale «sacco» bianco.

L'opera audiovisiva realizzata da circa 100 artisti attraverso il file sharing sarà presentata il 10 febbraio alla “Casa della Musica” di Napoli

Il progetto “We Transfer” è finalmente online. L’esperimento artistico per partecipare e/o reagire alle dinamiche del presente, il manifesto di condivisione culturale di “LAP”, il “Laboratorio Artigianale di Pazzia”, è finalmente disponibile per essere ascoltato, visto e vissuto.

Dalle 18, al locale di corso Vittorio Emanuele Franco Forte, con la voce di Yuri Gagliucci e gli interventi di Angelo Petrella e Massimo Corsale presenteranno "Giornalisti all'inferno"

Domani, 30 gennaio, alle 18, presso la Feltrinelli Libri e Musica, in Corso Vittorio Emanuele, 230 a Salerno, Andrea Manzi presenterà il suo romanzo “Giornalisti all’inferno” edito da Europa Edizioni.

La storia della «picciridda» venerata dalla chiesa cattolica e da quella ortodossa. Il suo nome in greco significa «buona». Compatrona di Malta con San Paolo, così come della Repubblica di San Marino

di Maria Barbagallo

Agata nasce in una ricca e nobile famiglia catanese tra il 229 ed il 235 d.C. e consacrò la sua vita alla religione cristiana. Tra il 250 e il 251 d.C., durante la persecuzione di Decio, giunse a Catania il proconsole Quinziano per fare rispettare l’editto imperiale che imponeva ai cristiani il ripudio della propria fede.

Il libro di Angelo Verrillo e Gigi Di Mauro racconta una rivoluzione che sconvolse l'economia e l'assetto sociale di molti comuni: l'arrivo dell'industria tessile elvetica nella provincia di Salerno. L'evento alle 16:30 nella sede di via Fatima 194

Mercoledì 30 gennaio, alle 16:30, nella sede di Confindustria Salerno, avrà luogo la presentazione del libro di Angelo Verrillo e Gigi Di Mauro “La Tela degli Svizzeri - I Wenner e l'avventura del tessile a Nocera, ascesa e declino di un distretto industriale”, stampato per i tipi de L'edizioni dell'Ippogrifo di Sarno.

Cerca

Statistiche generali

Utenti
180
Articoli
7578
Visite agli articoli
10158851
« Marzo 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31