Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Se qualche volta avete seguito le vicende del poliziotto più famoso d’Italia, vi sarete accorti che spesso è impegnato a gustare questa prelibatezza

di Maria Barbagallo

Se siete a dieta questa ricetta non ha nulla a che vedere con voi. Piatto della domenica ricco e gustoso, realizzato con ingredienti semplici come melanzane, caciocavallo e carne tritata. Impossibile resisterle.

La pasta ‘nacasciata è un piatto tipico del comune di Mistretta, in provincia di Messina. È una pasta al forno, ma si differenzia da essa perché è costituita da un solo strato, dove il formaggio è il collante. Questa pietanza ha origini antiche e prende il nome dal metodo di cottura «’u ‘ncaçio» . 
In passato la pasta veniva cucinata in un tegame di terracotta avvolto di brace calda come se fosse un forno, poiché non tutte le famiglie lo possedevano.
Uno degli ingredienti fondamentali di questa ricetta è la melanzana, rigorosamente fritta, seguita dal caciocavallo fresco (o in alternativa mozzarella o la tuma siciliana, formaggio fatto con latte di pecora) e la carne tritata.
Il formato di pasta che viene usato tradizionalmente è la maglietta di maccheroncino ma vanno bene anche maccheroni e sedanini.
Ma come in ogni ricetta si trovano versioni diverse, ogni città ne propone una e può cambiare addirittura da famiglia a famiglia. Infatti si possono aggiungere uova sode, piselli, prosciutto cotto e salame. Quando si cucina, aggiungiamo, togliamo e mettiamo una parte di noi e se è fatto con amore si capisce dal primo boccone.
pasta ncasciata messineseb
Di seguito vi proponiamo una versione della pasta ‘ncasciata alla siciliana
Ingredienti per 4 persone: 500 gr. di magliette di maccheroncino – 250 gr. di caciocavallo fresco o mozzarella – 500 gr. di carne tritata di vitello – 2 melanzane medie – salsa di pomodoro – cipolla tritata – qualche foglia di basilico – sale – olio – pangrattato

Tagliare le melanzane a cubetti e metterle sotto sale in uno scolapasta, coperti da un piatto e poggiando un peso sopra per eliminare il liquido amarognolo, per circa un’ora. Dopodiché sciacquarle abbondantemente e asciugarle per bene con uno strofinaccio. In un’ampia padella versare abbondante olio e friggere i cubetti di melanzana poi deporli su carta assorbente per eliminare l’olio. In una pentola fare rosolare la cipolla e la carne tritata, unire la salsa insieme al basilico e far cuocere a fuoco basso per circa un’ora. Nel frattempo cuocere la pasta in abbondante acqua salata e scolarla al dente. Rimetterla nella pentola, versare il sugo, il formaggio scelto tagliato a tocchetti e le melanzane, mescolando il composto fino a che il formaggio non si è sciolto sulla pasta. A questo punto trasferire il tutto in una teglia in un unico strato, spolverizzare con il pangrattato e infornare per 15 minuti a 180°. Servire molto caldo accompagnando la pietanza con un buon vino rosso.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Statistiche generali

Utenti
171
Articoli
5839
Visite agli articoli
6987334
« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31