fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Freddo e pioggia non sono certamente gradevoli, ma ci si può consolare alleandosi con i prodotti tipici della stagione per preparare un dolce che è perfino un toccasana per la salute

 

di Roberta Di Mauro

 

Eccoci di nuovo qui, a preparare e successivamente a degustare una nuova ricetta della mia rubrica. Ancora un dolce, per festeggiare l'inverno che oramai ci travolge col suo pungente freddo e, purtroppo, con le piogge!
Ed è proprio nel pieno di questa stagione che troviamo il frutto che, per eccellenza, è un prezioso alleato invernale.
I dolci alle mele, si sa, sono sempre buonissimi. Le mele insieme alle mandorle, poi, sono una vera delizia.
La crostata di mele alle mandorle unisce due sapori che insieme si sposano benissimo: la morbidezza delle mele, succose e dolci, si unisce alla croccantezza delle mandorle, regalando emozioni non solo al gusto ma anche al tatto. E' un dolce da assaporare piano, cucchiaio dopo cucchiaio...

Per la frolla:
300 gr. di farina
125 gr. di zucchero
150 gr. di burro
1 tuorlo
un pizzico di sale
vanillina

Impastare la farina con lo zucchero, il burro morbido, il sale e la vanillina, lavorando con la punta delle dita per ottenere un impasto granuloso. Legatelo con il tuorlo, fate una palla, copritela con pellicola e lasciatela riposare per almeno 30 minuti. Imburrate uno stampo a cerniera di circa 22 cm di diametro. Riprendete la pasta, stendetela con il matterello e foderate il fondo e le pareti dello stampo.

Per il ripieno:
3 mele rosse
1 uovo intero
200 gr. di panna fresca
80 gr. di zucchero
80 gr. di mandorle tritate

Sbucciate le mele, tagliatele a fettine e sistematele sul fondo della torta, sovrapponendole leggermente. Mescolate la panna in una ciotola con le mandorle tritate, lo zucchero e l'uovo, in modo da ottenere una crema omogenea. Versate il composto sulle mele, coprendole bene. Infornate a 180° per circa 45 minuti, finchè la superficie sarà ben dorata. Togliete la torta dal forno e lasciatela raffreddare completamente.  Poi sformatela, traferitela in un piatto per dolci e servite.

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca