fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

giuseppe ruggiero

  • Torna la kermesse del calcio campano dilettantistico. Al Teatro Italia di Acerra i vertici dell’Associazione Italiana Calciatori, della FIGC e dell’Associazione Italiana Allenatori Calcio premieranno i calciatori protagonisti di questa stagione calcistica. Tra i premiati figurano Giuseppe Ruggiero della Nocerina e Fabio Longo della Turris

    di Maria Esposito

    Puntuale come ogni anno torna quella che si può definire una vera e propria festa del calcio campano: si tratta del Galà AIC del calcio “dilettante”, organizzato dal responsabile dell’Assocalciatori in Campania, Antonio Trovato. L’appuntamento è per giovedì 30 maggio alle 18,30 nella splendida cornice del teatro “Italia” di Acerra, in provincia di Napoli.

  • Il forte centrocampista, ex molosso, va a completare la mediana di mister Agovino. Il progetto del Giugliano ha convinto il talentuoso calciatore ad indossare la maglia gialloblu deponendo quella rossonera

    di Maria Esposito

    Notizia di pochi minuti fa: il centrocampista Giuseppe Ruggiero lascia definitivamente i molossi. Un addio, questo, preannunciato da tempo, perché Ruggiero è stato uno dei giocatori più importanti della Nocerina di mister Viscido prima e Chiancone dopo.

  • Il talentuoso centrocampista ha ricevuto il giusto riconoscimento dopo una grande stagione con la maglia dei molossi ed ha lasciato intendere la volontà di restare in rossonero

    di Maria Esposito

    In occasione della quinta edizione del Gala AIC del calcio dilettante, il centrocampista della Nocerina Giuseppe Ruggiero è stato premiato come miglior centrocampista nella formazione modello dei tecnici. Le top 11 sono state votate dagli allenatori dei gironi G – H – I di Serie D e da una giuria tecnica Equipe Campania.

  • Top player della formazione rossonera della scorsa stagione, diventato rigorista e specialista delle punizioni al San Francesco, continua la sua carriera alla Turris. Scelta ponderata con l’obiettivo del salto di categoria

    di Maria Esposito



    Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia quand’ella altrui saluta, ch’ogne lingua deven tremando muta e li occhi no l’ardiscon di guardare … diceva Dante Alighieri nelle rime della “Vita Nuova”. Tanto si addicono le rime dantesche alla situazione rossonera.