fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Grazie ad un intervento sinergico tra i comuni di Nocera Superiore e di Roccapiemonte, dopo i sopralluoghi dell'architetto della provincia di Salerno Catello Bonadia, recuperata la fornitura dell'acqua che consentirà alla sede di Materdomini dell'ITC di riprendere l'attività didattica

Riaprirà lunedì 6 ottobre la sede distaccata di Nocera Superiore dell'Istituto Tecnico Commerciale "Raffaele Pucci". E' stata infatti ripristinata la fornitura idrica che alimentava i locali attraverso l'Asl. Il problema era sorto quando a marzo l'Azienda sanitaria locale decise di chiudere, per motivi igienici, parte dei locali degli uffici di Materdomini: la chiusura delle condutture idriche che alimentavano quella parte degli uffici aveva poi delle derivazioni che fornivano l'acqua anche a parte dell'istituto scolastico.
Il problema è stato risolto grazie ad una sinergia tra le amministrazioni comunali di Nocera Superiore e di Roccapiemonte. «Quando le amministrazioni si attivano - ha dichiarato l'assessore Maria Stefania Riso - e si ringrazia per questo anche Luisa Trezza, di comune accordo si risolvono i problemi. Fondamentale è stato infatti l'interessamento del Comune di Nocera Superiore che - pur non essendo tenuto in quanto privo di competenza - si è attivato per far si che gli enti interessati - Provincia e Asl - trovassero una soluzione al problema che ha comportato la chiusura dell'istituto negli ultimi giorni. A sollecitare l'intervento del sindaco di Nocera Superiore, Giovanni Maria Cuofano, la solerzia della professoressa Mara Calvanese, che ha perorato la causa dell'istituto. Ciò a dimostrazione che i cittadini possono fare tanto quando c'è un'amministrazione che li ascolta».
Il vicesindaco di Roccapiemonte, dal canto suo, ha commentato con non meno enfasi: «Ringraziate la vostra professoressa - ha detto - Ha davvero smosso mari e monti. Lunedì, al rientro a scuola, oltre a trovare l'acqua, troverete anche degli spazi esterni più dignitosi e curati. Buon anno scolastico a tutti voi!».

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca