fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

In venti potranno beneficiare dell'iniziativa. La domanda è scaricabile dal sito istituzionale, e sarà presentabile fino al 21 agosto. Si terrà a Marina di Casal Velino 

di Tania Pentangelo

L'amministrazione Torquato ha avviato anche per quest'anno le procedure per l'organizzazione di un soggiorno climatico marino destinato ai soggetti diversamente abili. È stato infatti predisposto un avviso diretto a venti persone disabili e altrettanti accompagnatori per villeggiare presso la struttura alberghiera Family Village Velia di Marina di Casal Velino (SA), nel periodo dal 3 al 10 settembre, per una durata di 8 giorni e 7 notti.

Gli uomini del comandante Contaldi hanno fermato in Largo San Biagio un 40enne di Atripalda, che non ha saputo tra l'altro giustificare la sua presenza in città 

Non si potrà ripresentare per tre anni sul territorio nocerino, a pena un arresto, il 40enne B.A., residente ad Atripalda e bloccato oggi pomeriggio, intorno alle 18, da una pattuglia della Polizia locale guidata dal comandante Giuseppe Contaldi e dai sovrintendenti Fortino e Battipaglia.

Anche quest'anno l'indagine dell'Agenzia europea per l'ambiente riporta Vietri, parte di Salerno ma anche di Atrani e Pontecagnano tra le acque zozze. Ma di divieti nemmeno l'ombra

Vietri sul Mare, Salerno, Battipaglia, Pontecagnano, Eboli, Atrani. Sono questi i nomi delle sei cittadine i cui litorali, in tutto o in parte, sono contaminati da colibatteri fecali.
Sono proprio i mari che i nocerini frequentano più spesso, a cominciare da quello di Vietri.

Panico nel quartiere per l'uomo di colore che è stato visto aggirarsi nei dintorni. Non è certo che sia lui ad aver aggredito la vecchina, fortemente traumatizzata

di Chiara Ruggiero 

Impauriti e disorientati. Si possono descrivere così gli abitanti di via Manlio Spera, a ridosso del quartiere di edilizia popolare che si pone tra il Vescovado e la Croce del Sud.

Occhio ai segnali di allarme, ma attenzione: e non si tratta più delle macchie di rossetto sulla camicia. Scopriamo insieme come difenderci dai compagni infedeli!

di Gerardina Cetrangolo

Una volta, per scoprire eventuali tradimenti, si controllavano le camice del proprio compagno alla ricerca di eventuali macchie di rossetto. Oggi nell’era virtuale, in cui la tecnologia la fa da padrona, scoprire le scappatelle è diventato molto più difficile. 

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca